Aspromiele

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Convegno apicoltori professionisti, il contributo di Aspromiele

(27 gennaio 2015)

logo-aapiCologno al Serio (BG) ha ospitato la 31° edizione del convegno Aapi, l’associazione che riunisce l’apicoltura professionale. E’ stata l’occasione per discutere di diversi temi che interessano l’apicoltura, sia quelli di stretta attualità (Aethina tumida, Vespa velutina, anagrafe apistica) che quelli su cui è utile e necessario confrontarsi e aggiornarsi continuamente (Varroa, pesticidi, normativa apistica, prodotti apistici).
Il convegno ha visto l’importante partecipazione del prof. James D. Ellis dell’università della Florida (Usa) che ha relazionato su Aethina tumida e sulle strategie di controllo adottate nel suo stato dopo l’insediamento del piccolo coleottero avvenuto alla fine degli anni novanta. In video conferenza dall’Australia sono giunti contributi analoghi da apicoltori locali e da apicoltori italiani andati appositamente per studiare l’impatto di Aethina tumida sull’apicoltura australiana.
Aspromiele ha contribuito all’ottima riuscita del convegno con una serie di lavori, dalla lotta alla varroa alla individualizzazione del carattere Vsh delle regine, dalla produzione e caratterizzazione della propoli ai residui di Apivar.

Vedi foto sala convegno

 

Anagrafe apistica nazionale

(27 gennaio 2015)

banner anagrafeIl 16 dicembre 2014 è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale la norma che prevede l’introduzione nel nostro ordinamento dell’anagrafe apistica nazionale. La sua applicazione è prevista entro il 16 marzo prossimo.
Dal 19 gennaio il Ministero ha dato la possibilità di registrarsi e attivare attraverso il sito www.vetinfo.sanita.it una postazione sull’anagrafe apistica nazionale allo scopo di prendere dimestichezza con la piattaforma che dovrà essere utilizzata per soddisfare gli obblighi previsti dalla nuova normativa.
Purtroppo a causa di un problema tecnico del sito ministeriale il suo utilizzo non è possibile, questo impedisce di comprendere il suo funzionamento e di darne corretta e pronta informazione agli apicoltori.Ciò verrà prontamente fatto appena saranno rimossi gli ostacoli che bloccano il sistema.

 

Corso VSH Aspromiele - Si raddoppia

(19 gennaio 2014 aggiornamento)

varroa3
Le api sono capaci di fronteggiare patogeni come covata calcificata e peste americana, parassiti come la varroa (e forse A. tumida) grazie a dei meccanismi di immunitá esplicati da comportamenti collettivi, come quello igienico e l’attivitá VSH (varroa-sensitive hygiene). Le api che esprimono alti livelli di comportamento igienico e/o VSH sono infatti capaci di identificare, disopercolare e rimuovere la covata infetta o parassitizzata, eliminandola dall’alveare e riducendo le possibilitá che l’infezione o l’infestazione si propaghino sia all’interno dell’alveare, che tra gli alveari dell’apiario.
Aspromiele, avvalendosi della competenza della struttura di supporto tecnico giá sviluppata negli anni ha deciso di intraprendere una attivitá di monitoraggio e selezione di api che presentassero queste caratteristiche positive, partendo da alveari giá selezionati per caratteristiche di importanza apistica (come produttivitá, docilitá eccetera).
In questo modo si intende migliorare le caratteristiche di api giá presenti e utilizzate con successo sul territorio, permettendo agli apicoltori di ridurre il numero di trattamenti grazie ad una resistenza quantomeno parziale esplicata dalle api stesse.
Nel corso, che si terrà ad Alessandria presso la sede di Aspromiele Corso Crimea 69 (4° piano) il 06 marzo a partire dalle ore 9,30 verranno presentate diverse strategie, con esperimenti conclusi e altri in corso di svolgimento. Una parte sará dedicata ad un approfondimento pratico mirato alla strumentazione necessaria per la valutazione del carattere VSH – ossia all’osservazione della fertilitá delle varroe presenti sotto l’opercolo.
Il corso è gratuito (finanziato dal Regolamento Cee 1234/07) ed è riservato ai soci Aspromiele o agli abbonati a L'Apis. E' obbligatoria la prenotazione al numero 338 7361889 oppure alla mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
N B: A causa della forte richiesta i posti disponibili per il giorno 5 marzo (giovedì) sono esauriti, per cui il corso verrà ripetuto il giorno 6 marzo (venerdì) stessa sede e orario. Le iscrizioni rimangono quindi aperte solo per il corso del 6 marzo.
 

Linee guida del settore apistico - Riaprono le iscrizioni ai corsi 2015

(19 gennaio 2015)

ASPROMIELE-Manuale-gmp
Aspromiele propone anche quest'anno una serie di corsi inerenti le “Linee guida per il settore apicoltura” ai sensi del Regolamento Ce 852. Un intenso e complesso lavoro che ha beneficiato della approvazione da parte del Servizio Veterinario della Regione Piemonte (leggi lettera) e che ha permesso la realizzazione di un manuale che permette ai soci di Aspromiele di avere uno strumento gestionale condiviso dal soggetto preposto al controllo, nell’ambito di un rapporto basato su regole certe e condivise.
Questo strumento archivia definitivamente tutte le problematiche e gli equivoci di questi ultimi anni relativi agli obblighi delle aziende apistiche operanti in produzione primaria, per le quali l'adozione del sistema Haccp NON E' PIU' OBBLIGATORIO ma facoltativo.
 
Le sedi e le date dei corsi sono in fase di definizione, in funzione del numero di iscritti e delle loro residenze.
 
Contributo per partecipante: 100 €

Le iscrizioni sono obbligatorie al seguente numero telefonico 0171-693689 oppure alla mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
 

Corso intermedio di analisi sensoriale miele

(17 gennaio 2015)

amiAMi, Ambasciatori dei Mieli, organizza, in collaborazione con Aspromiele, un corso di perfezionamento di I livello in analisi sensoriale del miele. Il corso si terrà in data 28, 29, 30 marzo 2015, con orario pieno (9 – 13, 14,30 – 17,30), a San Paolo Solbrito (AT) – Strada Tagliaverde 10.
Il Corso è rivolto a persone che abbiano già seguito un corso di introduzione all’analisi sensoriale del miele riconosciuto dall’Albo. Per il corso sarà richiesto il riconoscimento da parte dell’ Albo degli esperti in analisi sensoriale del miele. Questo permetterà agli allievi che abbiano seguito il corso per almeno il 75% della sua durata di accedere al corso di perfezionamento di II livello, organizzato direttamente dal CRA-API di Bologna, per la selezione degli assaggiatori da iscrivere all’Albo stesso. Per essere valido ai fini del percorso di addestramento dell’Albo, le persone che si iscrivono a questo corso di perfezionamento di I livello dovranno aver concluso un corso di introduzione prima del 28 dicembre 2014. Il corso non è idoneo a chi non abbia già una formazione di base sull’argomento e il suo programma è riportato in allegato.
Il corso avrà come docente Maria Lucia Piana.
La realizzazione del corso è vincolata al raggiungimento di un numero minimo di iscritti e avrà un costo di 180 €.

 

Segnalazioni furti 2014

(05 gennaio 2015)

mappa-furti-piemonte-2014-2Presentiamo la mappa delle segnalazioni dei furti pervenute al monitoraggio attivato da Aspromiele e inviate dagli apicoltori piemontesi nel 2014 (guarda mappa 2014).
La brutta notizia è che le zone di Casale Monferrato (AL) e della Val Susa (TO) sono state ancora oggetto delle ripetute angherie di qualche delinquente. La buona notizia è che rispetto al 2013 le segnalazioni di furti in Piemonte sono dimezzate (guarda mappa comparata).
Come si può notare nel cuneese dopo l’individuazione di un ladro di alveari tramite un sistema antifurto gli episodi sono cessati. Sono diminuiti molto anche nel novarese e nell’alessandrino.
Considerando la pessima stagione apistica che ha registrato marcate perdite di alveari in primavera temevamo che ci sarebbe stato un ulteriore aumento di furti rispetto al 2013 ma l’individuazione di qualche ladro grazie ai sistemi antifurto ha evitato che ciò potesse accadere.
Ricordiamo che Aspromiele ha attivato una polizza assicurativa che risarcisce coloro che subiscono furti, per maggiori informazioni guarda qui.

 

E' in uscita il numero 1 di L'Apis

(29 dicembre 2014)

copertina-lapisE' in arrivo il numero 1 di gennaio di L'Apis. Per il tema della sanità apisitica: il VarEval un nuovo strumento per il conteggio delle varroe. Per la selezione.. alla ricerca dell'ape migliore. Per gli eventi: Terra Madre, i mille volti e i mille mieli al grande incontro biennale che si è tenuto a Torino a fine Ottobre. Dal mondo: un interessante reportage dall'Africa. Biologia: la prodigiosità delle api attraverso il linguaggio delle api...
I lavori del mese: manutenzione invernale del materiale di campo. Ambasciatori dei Mieli: una panoramica sui concorsi di miele. E ancora il Visto per Voi, i contributi dei nostri lettori, la posta dei lettori, le notizie in breve... vai al sito per sfogliare l'anteprima.
 

Al via l'anagrafe apistica nazionale

(22 dicembre 2014)

Con la pubblicazione del decreto, a firma congiunta del Ministro della salute e di quello delle Politiche agricole, alimentari e forestali, partono i 90 giorni, previsti dal decreto del 2009 che istituisce l’anagrafe, necessari a rendere pienamente operativa la banca dati.
Con le modalità e procedure descritte nel manuale operativo tutti gli apicoltori ed i loro allevamenti andranno registrati nell’anagrafe. I dati già presenti in anagrafi apistiche regionali, se compatibili, andranno trasferiti nelle nuova Bda (Banca dati apistica), secondo procedure concordate tra il Ministero della salute e le singole regioni.
 

Seminario cooperativa Piemonte Miele, grande successo!

(20 dicembre 2014)

Come ormai tradizione vuole, giovedì 11 e venerdì 12 dicembre, si è tenuto l’annuale seminario organizzato dalla cooperativa Piemonte Miele di Cussanio, la più grande realtà piemontese che vanta associati apicoltori da tutto il territorio nazionale. I lavori sono stati aperti dall’intervento di Simone Dogliani responsabile della sicurezza del lavoro della Confcooperative Fedagri Piemonte, che ha presentato un’interessante relazione dal titolo: adempimenti per il ricorso ad aiutanti esterni al nucleo famigliare e per la sicurezza dei lavoratori. Dopo il pranzo i lavori sono proseguiti con un intervento su Aethina tumida e Vespa velutina. Le relazioni su queste nuove minacce per l’apicoltura sono state effettuate dal tecnico del Crt Unaapi, Umberto Vesco (A. tumida), e dal tecnico Aspromiele Marco Bergero (Vespa velutina) in Piemonte e Liguria. U. Vesco ha illustrato in maniera dettagliata la grave situazione che si è venuta a creare in Calabria e di cui non si conosce ancora il reale sviluppo e presenza sul territorio nazionale. Sono stati elencati i potenziali danni che A. tumida potrebbe provocare all’apicoltura, soprattutto in termini di estrazione e conservazione del miele e non solo. Sono state illustrate le tecniche di monitoraggio dell’insetto, i metodi di lotta, le precauzioni attuabili in apiario e in fase di gestione del locale di smielatura; i principi di tecnica apistica limitanti per il suo lo sviluppo e il punto della situazione sulle normative e le varie interlocuzioni con i Ministeri per definire la gestione dell’emergenza. Tra i potenziali danni, l’unico attualmente certo, è quello commerciale per tutto il settore.

 

Apididattica 13 e 14 dicembre 2014

(16 dicembre 2014)

phpThumb generated thumbnailjpgMeritato successo per Apididattica 2014, il 4° workshop dedicato alla didattica e all'educazione ambientale attraverso il tema delle api e dell'apicoltura. Organizzato da Aspromiele, in collaborazione con Ami (Ambasciatori dei mieli), con il patrocinio della città di Cuneo, l'evento, si è svolto sabato 13 e domenica 14 dicembre presso la splendida "Casa del fiume" del Parco Fluviale Stura-Gesso.
Ottanta partecipanti, provenienti da varie regioni italiane, si sono dati appuntamento a Cuneo sul tema della didattica collegata al mondo delle api e dell'apicoltura. Insegnanti, educatori, apicoltori del circuito delle "fattorie didattiche" e semplici curiosi, desiderosi d'intraprendere una nuova e interessante attività presso le proprie aziende apistiche, hanno avuto l'opportunità di approfondire argomenti specifici e originali.
Il programma, suddiviso in due giornate, ha visto l'alternarsi di qualificati relatori che hanno sviluppato temi di grande interesse e attualità. Oltre a temi prettamente legati all'educazione attraverso l'apicoltura e il mondo delle api, sono stati sviluppati argomenti come la sicurezza nelle Fattorie Didattiche, di grande importanza e di necessaria considerazione.
Obiettivo dell'iniziativa è la realizzazione di un manuale finalizzato ad accompagnare o facilitare la costruzione di percorsi educativi, attraverso schede di approfondimento, teorie pedagogiche di base, progetti strutturati, messa in sicurezza degli spazi, allestimento dei luoghi adibiti all'accoglienza di gruppi di persone e/o bambini.
Come nelle passate edizioni l'aspetto trainante è stata la condivisione delle proprie esperienze e il desiderio di "fare gruppo" per migliorare e approfondire un tema sicuramente originale per noi apicoltori.

 

Corsi di apicoltura di primo livello

(10 dicembre 2014)

 
corso_in_apiarioVisto il successo riscosso e la folta partecipazione riscontrata negli anni precedenti ai corsi di apicoltura di primo livello, anche nell’inverno 2015 Aspromiele attiverà lezioni di avviamento all’apicoltura in ogni provincia della regione Piemonte.
I corsi consteranno di 7 incontri di natura teorica, nelle sedi e secondo i calendari a breve pubblicati (in alcune province sarà possibile valutare durante il corso la possibilità di effettuare anche lezioni pratiche da aggiungere al modulo base).
Gli argomenti proposti consentiranno ai partecipanti di acquisire la terminologia tecnica, nonché le nozioni fondamentali per una gestione apistica ai passi con le nuove problematiche e sfide che il settore si trova oggi ad affrontare: scelta dei materiali e delle attrezzature, tecnica apistica nel corso delle 4 stagioni, riconoscimento delle patologie e loro contrasto e prodotti dell’alveare, sono solo alcuni degli argomenti trattati.
I docenti saranno gli stessi tecnici apistici di Aspromiele, in grado di assicurare continuità di assistenza anche al termine e al di fuori del corso, affiancati talvolta da apicoltori di comprovata esperienza, capaci di trasferire ai neofiti la passione e il sapere maturato in campo nel tempo.
 
 

Api regine e genetica, il contributo di Aspromiele

(01 dicembre 2014)

logoaiaarL’associazione italiana di allevatori api regine (Aiaar) si é ritrovata lo scorso 14 e 15 novembre al Parco tecnologico padano di Lodi per discutere di ricerca genetica in apicoltura. E' stata l'occasione per confrontare due realtà diverse quanto complementari, quella di chi produce e seleziona api regine e quella di chi sviluppa e fornisce test genetici di laboratorio. Tutti i partecipanti hanno convenuto quanto sia auspicabile una solida collaborazione allo scopo di portare allo sviluppo di marcatori genetici che migliorino ulteriormente l’attività di selezione delle api regine in Italia.
Durante i due giorni di lavoro si è anche posta l’attenzione sui problemi che i produttori di api regine stanno affrontando in questo momento, V. velutina  in Liguria e A. tumida in Calabria. Ad esempio la distruzione degli apiari dove viene rinvenuta A. tumida sta provocando danni ingenti anche ai produttori di regine calabresi che improvvisamente si trovano a dover rinunciare a linee selezionate frutto di tanti anni di lavoro.
Aspromiele è fiera di aver potuto portare il proprio contributo in una sede così importante. Il lavoro presentato dal presidente di Aspromiele Alessandro Piemontesi e dal tecnico Gianluigi Bigio sul carattere Vsh ha riscosso una notevole attenzione che è servita da sprone per proseguire con ancora maggiore energia sulla strada di questa innovativa strategia di contenimento della varroa.

 

E' in uscita il numero 9 di L'Apis

(27 novembre 2014)

copertina-lapisE' in arrivo il numero 9 di dicembre di L'Apis. In primo piano il tema della sanità apisitca, cui sono stati dedicati due specifici articoli: il primo sui possibili futuri scenari della politica sanitaria apistica, il secondo sulle prove di efficacia di Apibioxal e Apivar in periodo invernale. Ritorniamo all'ABC: "10 comandamenti" per affrontare le malattie delle api. Il resoconto del 3° Convegno nazionale di Apicoltura Urbana che si è svolto a Roma a fine Ottobre. L'approfondimento dei lavori del mese: la pulizia nei laboratori apistici. Ambasciatori dei Mieli: alla ricerca del miglior miele del mondo. E ancora il Visto per Voi, i contributi dei nostri lettori, la posta dei lettori, le notizie in breve... vai al sito per sfogliare l'anteprima.
 

E’ assai peggio del previsto: è un comunicato stampa, non un’intervista

(24 novembre 2014)

logozooprofilatticoNon ci troviamo di fronte a parole travisate nel corso di una concitata intervista o a possibili incomprensioni terminologiche, ma quanto riportato nell’articolo  La “super ape” che salverà gli alveari dalla peste, apparso il 29 ottobre sul quotidiano “La Stampa” (leggi), deriva dalla lettura del comunicato stampa dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte n. 16 del 21 ottobre 2014 (leggi). Apprendiamo così che la Sanità Piemontese, o almeno una parte di essa, pensa che un semplice test genetico sarà sufficiente per risolvere i problemi sanitari dell’apicoltura, in particolare di peste americana e varroa, dal momento che “Per combattere queste e altre malattie finora non si poteva fare altro che ricorrere a trattamenti antibiotici e antiparassitari che però possono mettere a rischio la salute ambientale e la salubrità del miele”. Da non credere. La Sanità che in un comunicato stampa, in un documento quindi all’uopo redatto e predisposto, e non frutto di fretta e concitazione, afferma che gli apicoltori potevano combattere alcune malattie dell’alveare facendo ricorso a antibiotici con il rischio di inquinare il miele e l’ambiente! In attesa di scuse ufficiali, ad oggi non pervenute, il testo della dura presa di posizione di Aspromiele (leggi) e relativa richiesta di pubblicazione su “La Stampa”.

 

 

 

Apididattica 2014 a Cuneo

(24 novembre 2014)

sitoapididatticaL'Associazione Aspromiele, in collaborazione con AMI, promuove un nuovo appuntamento dedicato alla didattica e all'educazione ambientale attraverso il tema api ed apicoltura, più in generale, per la diffusione della conoscenza del ruolo e del valore delle api per il nostro ecosistema. Si terrà nei giorni 13 e 14 dicembre 2014 a Cuneo, presso la Casa del Fiume. Il workshop è rivolto sia a chi fa attività nelle scuole o nelle fattorie didattiche con bambine e bambini, sia a chi organizza incontri e iniziative di promozione dei prodotti dell'alveare con persone adulte.
Quest'anno, in particolare, il workshop è dedicato alla presentazione e condivisione di un manuale rivolto ad apicoltori ed educatori. Uno strumento come punto di partenza comune per arricchire e sviluppare percorsi educativi sul mondo apistico sia presso le Fattorie didattiche, sia presso le scuole o in altri luoghi idonei. Durante il workshop ci sarà modo di interagire ed arricchire una parte importante del manuale attraverso le esperienze dei partecipanti.
È necessario iscriversi (specificando gli eventuale servizi di ristorazione e pernottamento) inviando l’apposita scheda via fax al numero 0171/693689 o via mail all’indirizzo: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Per il seminario verrà richiesta una quota di iscrizione di € 25,00 (comprensivo del pranzo del sabato) da corrispondere il giorno stesso. Per informazioni: Tel. 0171/693689 – 335/7028780
 

European Honey Breakfast

(27 novembre 2014)

EuropeanHoneyBreakfast PieghevoleA3-1Parte la campagna europea di educazione alimentare per il miele nelle scuole, con la prima giornata sperimentale organizzata da Osservatorio Nazionale Miele, Aspromiele-Unaapi, con il Ministero delle politiche agricole e la Regione Piemonte.
Si svolgerà venerdì 28 novembre, a partire dalle ore 9, all'Istituto Comprensivo “Venasca - Costigliole-Saluzzo” di Costigliole Saluzzo (Cuneo), la prima giornata sperimentale “European Honey Breakfast – I mieli italiani nelle scuole”.
Una giornata dedicata alla conoscenza dello straordinario mondo delle api e dei mieli, rivolta ai bambini delle classi di scuola materna, 1a e 2a elementare e media inferiore che vedrà la partecipazione di

 

5° convegno annuale di Aspromiele

(17 novembre 2014)

saloleggio2014Territorio. Territorio. Territorio. Ieri questa parola è stata spesso usata, sia per parlare delle eccellenze che vi si producono, che per indicare la propria area di rappresentanza. Ieri è stata una giornata di sole e… per un giorno il Territorio piemontese non è franato, non ha seppellito pensionati, non ha trascinato via il lavoro di decenni, non ha ricordato alle autorità che la sua gestione dovrebbe essere oculata e che del Territorio bisognerebbe ricordarsi non solo in occasione di questi tragici eventi, bensì quotidianamente.
Una giornata di sole che ha permesso a centinaia di apicoltori di allontanarsi per qualche ora dalle preoccupazioni ed essere presenti al nostro convegno annuale.
Dopo i saluti di rito da parte delle autorità, i lavori sono entrati nel vivo con la relazione di Andrea Fissore, tecnico di Aspromiele coordinatore delle prove di campo nella lotta alla varroa. Dopo essersi brevemente soffermato sulle quattro prove realizzate nell’inverno 2013, (Api-Bioxal sublimato, ingabbio invernale della regina e Apivar), si è poi concentrato sulle undici prove realizzate nell’estate 2014 su ruolo della reinfestazione, Apivar, Apistan e Apilifevar, acido formico e Maqs. Andrea Fissore ha infine presentato i due nuovi ambiziosi progetti che da quest’anno coinvolgono Aspromiele: il primo, volto a identificare le api più propense a individuare ed eliminare rapidamente le larve morte (api igieniche), il secondo volto invece a identificare quelle più propense a individuare le varroe infertili (Vsh).

 

Richiesta di rettifica su ape colf e antibiotici

(06 novembre 2014)

Il Convegno organizzato dall’Istituto Zooprofilattico del Piemonte si conferma come un importante e proficuo momento di confronto tra gli operatori del settore (veterinari e tecnici apistici in primis) grazie anche alla qualità delle relazioni presentate dai rappresentanti del Ministero della Salute, del Centro Nazionale di Referenza apistica, del Disafa di Torino e delle Associazioni piemontesi e nazionali (Unaapi). Nel solco della tradizione anche l’edizione 2014 è stata di particolare interesse. Peccato solo che sui mass-media (leggi l’articolo apparso su “La Stampa”) l’iniziativa sarà ricordata non per i suoi contenuti, ma per un’intervista rilasciata a margine del convegno stesso contenente affermazioni, se corrispondenti a verità, quantomeno azzardate (“super ape”? Chi l’ha mai vista? Esiste?) e fuorvianti  per il consumatore (“malattie delle api che finora si potevano curare solo con antibiotici e antiparassitari… con rischio per la salubrità del miele...” Sigh…). Aspromiele ha ritenuto necessario prendere una ferma posizione (leggi) con richiesta di pubblicazione.

 

E' in uscita il numero 8 di L'Apis

(04 novembre 2014)

copertina-lapisE' in arrivo il numero 8 di novembre di L'Apis. Questi alcuni dei temi trattati. Sanità apisitca: lotta alla varroa, verso una piccola rivoluzione; Vespa velutina nigrithorax, visita di cortesia a una nemica. Ritorniamo all'ABC: montaggio dei fogli cerei. Apicoltura e ambiente: progetto BeeNet: l'agricoltura è compatibile con l'ambiente? L'approfondimento dei lavori del mese: sublimatori e sublimazione. Per la rubrica Visto per Voi, lotta biologica al cinipide: a che punto siamo? E ancora i quesiti dei lettori, la rubrica Ambasciatori dei Mieli, i contributi dei nostri lettori... vai al sito per sfogliare l'anteprima. Ricordiamo inoltre a tutti gli abbonati che a questo numero sarà allegato un nuovo dossier Aethina tumida realizzato dal CRT PA Unaapi.
 

Approvata dalla Commissione Agricoltura del Senato la risoluzione su Vespa velutina

(03 novembre 2014)

vespa velutinaE’ giunto al termine l’iter dell’affare concernente la questione degli “effetti sull'apicoltura italiana della diffusione della Vespa velutina”, con l’approvazione, da parte della Commissione Agricoltura del Senato, della risoluzione finale (leggi) che impegna il Governo ad approvare una serie di interventi.
Il Senato, a seguito di una interrogazione della Senatrice Donatella Albano al Ministro dell’Agricoltura sulla grave situazione venutasi a creare nel ponente ligure dopo l’arrivo di V. velutina nel 2012/2013 e che ha già portato alla perdita di parecchie centinaia di alveari, aveva ritenuto necessario un approfondimento della trattazione in seno alla Commissione Agricoltura. Individuata nella Senatrice Albano la relatrice, V. velutina e così approdata alla Commissione Agricoltura, che ha voluto ascoltare le Associazioni nazionali e la ricerca apistica. A seguito dell’audizione la Commissione Agricoltura del Senato ha così approvato all’unanimità la relazione finale predisposta dalla senatrice Albano. Aspromiele esprime il proprio ringraziamento a quanti si sono politicamente attivati e consentito l’adozione di questa risoluzione, con l’augurio che rappresenti il primo passo di quel cammino necessario a tentare l’eradicazione di V. velutina.

 

Vespa velutina, audizione delle associazioni in Senato

(01 novembre 2014)

vespa velutinaLo scorso 22 ottobre la Commissione Agricoltura del Senato ha convocato in una specifica audizione le rappresentanze nazionali dell’associazionismo apistico e della ricerca in apicoltura sul tema Vespa velutina. Aspromiele è stato delegato da Unaapi a partecipare all’audizione. Nel corso dell’incontro si è palesata una perfetta identità di posizione e di proposta fra i rappresentanti di Unaapi (Roberto Barbero), Aapi (Cauda Claudio) e Aiar (Gabriele Milli) che ha reso possibile e utile un comunicato finale congiunto (leggi tutto)

 


denuncia alveari14

Riunioni Corsi Eventi

<<  Febbraio 2015  >>
 L  M  M  G  V  S  D 
        1
  2  5  6  7  8
  9121415
1619202122
23262728 

libri-aspro

Compro - Vendo
comprovendo



Marcature Regine

marcatura 2015