Archivio

Vespa velutina, l’azione di monitoraggio continua. Aspromiele sempre in prima linea

vespavelutinapersito

(09 luglio 2015)

vespavelutinapersitoEra il 2 ottobre 2013 quando Vespa velutina è stata ufficialmente trovata in Piemonte, grazie alla segnalazione di un’apicoltrice iscritta ad Aspromiele che, insospettita dalle notizie provenienti dalla Liguria e dalle informazioni lette su L’Apis, ci aveva immediatamente contattati. Da allora Aspromiele ha collaborato attivamente con altre associazioni, Enti, Università… mettendo a disposizione lavoro, impegno, risorse umane ed economiche, per fronteggiare la nuova minaccia rappresentata dal calabrone asiatico. Nel 2013 è stato organizzato, sia in Piemonte che in Liguria in collaborazione con Apiliguria, un primo convegno interamente dedicato a questa tema cui gli operatori del settore hanno partecipato in forze (http://aspromiele.it/index.php/archivio-prima-pagina/20054-eventi/20562-a-proposito-del-convegno-su-vespa-velutina ). Aspromiele, sin dal primo momento in cui si è preso atto della presenza di velutina in Piemonte, ha ritenuto fondamentale sensibilizzare tramite il proprio sito, mail, lettere, articoli su L’Apis, i propri soci per far sì che potessero diventare gli attori principali di una rete di monitoraggio efficace e organizzata. Infatti, a partire dalla stagione apistica 2014, oltre ai monitoraggi gestiti da Aspromiele nelle postazioni della Rete Beenet e quello in ambiente frutticolo organizzato da Coldiretti Cuneo, gli apicoltori hanno installato nei propri apiari trappole con bottiglie ed esca a base di birra, come da protocollo, fornendocene anche le coordinate geografiche. La scorsa stagione più di 50 apicoltori distribuiti su tutto il territorio hanno fornito la loro preziosa collaborazione. Quest’anno, dopo il convegno del 13 marzo scorso organizzato insieme a Coldiretti Cuneo (http://aspromiele.it/index.php/archivio-prima-pagina/20054-eventi/20663-2015-03-18-13-24-52),

in cui sono stati presentati i risultati del monitoraggio realizzato nel 2014, è ripartita la “campagna monitoraggio Vespa velutina 2015”, potenziata nelle zone di cattura del 2014 e nelle zone di confine con la Liguria, principali possibili vie di ingresso. Anche nella Provincia di Alessandria, ove è stato rinvenuto un esemplare adulto nello scorso mese di settembre, è operativa una articolata e strutturata rete di monitoraggio.
Ad oggi non ci sono ancora pervenute segnalazioni di ritrovamento di adulti di calabrone asiatico, ma solo di un sospetto nido primario, notizia da verificare e accertare.
Attendiamo, confidando come sempre nella puntuale osservazione e sensibilità dei nostri apicoltori, le informazioni del campo che tempestivamente verranno portate a conoscenza di tutti tramite il sito.