Archivio

Contributi e bandi Verbano Cusio Ossola


|  2010-2011 


 

(17 dicembre 2010)

Contributi per l’apicoltura. Finanziamenti per l’apicoltura in provincia di Verbania Cusio Ossola 2010-2011
Per sostenere e sviluppare l’apicoltura sono  previsti dei finanziamenti con l’assegnazione di contributi in conto capitale. Verranno aperti tre bandi per la presentazione di richieste di contributo dal 20 dicembre 2010 al 21 febbraio 2011.
1°bando (L. R. 20/98):
Stanziamento dalla regione di 13.802,40 euro per anno 2010, 27.605,00 euro per anno 2011 più economie dai bandi precedenti.
Si finanziano gli apicoltori professionisti e gli apicoltori amatoriali che s’impegnano a passare al professionismo entro un anno dalla data di presentazione della domanda, per le seguenti attività:
a) Costruzione, ristrutturazione e ammodernamento delle strutture aziendali di lavorazione e conservazione della produzione degli alveari.
b) Acquisto macchine e attrezzature per lavorazione e commercializzazione dei prodotti degli alveari, acquisto o ammodernamenti apiari.
c) Adeguamento norme igienico sanitarie dei locali di lavorazione dei prodotti dell’alveare.
L’ammontare del contributo in conto capitale viene liquidato sulla base della spesa sostenuta al netto dell’Iva e non viene stabilito un tetto in quanto non si riescono a spendere i fondi assegnati.
Il finanziamento sulle strutture è pari al 50% nelle zone di montagna e al 40% nelle zone di collina e pianura.
Il finanziamento per le attrezzature pari al 40% nelle zone di montagna e al 30% nelle zone di collina e pianura.
2°bando (LEGGE 313/2004 Disciplina dell’apicoltura):
stanziamento dalla regione di 9.493,34 euro provenienti da economie dei bandi precedenti a seguito di un assegnazione nell’anno 2007 (16.441,84 euro).
Possono accedere solo gli apicoltori che sono già in possesso di un laboratorio, in regola con le norme sanitarie relativamente ai locali di smielatura.
E’ possibile ammodernare i locali per la lavorazione e il confezionamento dei prodotti apistici, e acquistare attrezzature e impianti (compresi i programmi informatici).
Legge 313/04 che da la possibilità di accedere a contributi in conto capitale sulla spesa sostenuta, pari al 50% nelle zone svantaggiate e al 40% nelle altre zone (elevabili del 5% per i giovani apicoltori insediati da meno di cinque anni).
L’ammontare del contributo in conto capitale viene liquidato sulla base della spesa sostenuta al netto dell’IVA e non viene stabilito un tetto in quanto non si riescono a spendere i fondi assegnati.
3° bando (Regolamento Cee n. 1234/2007 AZIONI C2 e E1):
La provincia esegue l’iter burocratico (istruttoria, ammissione e collaudo), la liquidazione effettiva del contributo in conto capitale è fatta da Agea. La Regione Piemonte comunica il riparto finanziario per ogni provincia, in seguito avviene l’apertura dei bandi.
Possono accedere alla concessione dei contributi gli apicoltori in regola con la denuncia di possesso alveari, in possesso di partita Iva alla data di presentazione della domanda e di iscrizione al registro delle imprese della Camera di Commercio, che conducano almeno 52 alveari e che abbiano costituito il fascicolo aziendale presso un Caa con regolare mandato.
L’importo minimo per domanda è di 1.000,00 euro, elevato a 1.120,00 euro se l’azienda è certificata biologica. 
Azione C2: Il contributo concedibile è pari al 50% della spesa ammessa per l’acquisto di materiali per il nomadismo, muletti (potenza max. 35 CV), elevatori, gru, carriole porta arnie, supporti che facilitano lo spostamento delle arnie, piccoli rimorchi, a esclusione degli automezzi targati.
Azione E1: Il contributo concedibile è pari al 60% della spesa ammessa e l’importo massimo è pari a 3.200,00 euro. Per acquisto di api atte al ripopolamento del patrimonio apistico:
-api regine (importo massimo 10,00 euro per regina, con un numero massimo pari al 50% degli alveari denunciati e fino a un massimo di 100).
-nuclei (spesa massima 80,00 euro cadauno, nella misura massima del 35% degli alveari denunciati, con un massimo di 40 nuclei).
-pacchi d’api (nella misura massima del 35% degli alveari denunciati, spesa massima unitaria pari a 20,00 euro al kg per un massimo di 3 kg di api per pacco, con un massimo di 50 pacchi d’api).
Per informazioni: Simona Lanfranchi
Provincia del Verbano Cusio Ossola
Servizio Agricoltura
Via Carale di Masera, 15
28845 Domodossola (VB)
Tel 0324 492943
Fax 0324 492940


(14 aprile 2010)

Domande di contributi ai sensi della L. R. 20/98  e della Legge Quadro 313/04

 

L. R. 20/98

Tipo di finanziamento:
Strutture: contributo in conto capitale sulla spesa sostenuta pari al 50% nelle zone di montagna e al 40% nelle zone di collina e pianura.
Attrezzature: contributo in conto capitale sulla spesa sostenuta pari al 40% nelle zone di montagna e al 30% nelle zone di collina e pianura.
Esclusioni:
Investimenti iniziati o realizzati prima della presentazione della domanda.
Acquisto di macchinari e attrezzature usate.
Mancata denuncia annuale di possesso alveari.
Legge Quadro 313/04

 

Beneficiari: imprenditori apistici singoli o associati in possesso di Partita Iva, iscrizione alla Cciaa e in regola con le norme sanitarie relativamente ai locali di smielatura.
Tipo di finanziamento: contributo in conto capitale sulla spesa sostenuta pari al 50% nelle zone svantaggiate e al 40% nelle altre zone.
Contributo in conto capitale sulla spesa sostenuta pari al 55% nelle zone svantaggiate e al 45% nelle altre zone per i giovani apicoltori insediati da meno di cinque anni all’atto della presentazione della domanda di contributo.
Interventi finanziabili: ammodernamento delle sale di smielatura e dei locali per la lavorazione e il confeziona-mento di prodotti apistici. Acquisto attrezzature e impianti (compresi i programmi informatici). Spese generali (onorari dei tecnici professionisti) fino a un massimo del 8 per cento.
Esclusioni:
Investimenti iniziati o realizzati prima della presentazione della domanda.
Acquisto di macchinari e attrezzature usate.
Investimenti da effettuare per conformarsi ai requisiti in materia di ambiente igiene e benessere degli animali.
Mancata denuncia annuale di possesso alveari.
Le domande di contributo vanno presentate in forma cartacea alla Provincia del Verbano Cusio Ossola, Servizio Agricoltura, Via dell’Industria n. 25, 28924 Verbania.
I moduli possono essere scaricati dal sito www.provincia.verbania.it
Informazioni al 0324-492943 oppure alla mail: lanfranchi@provincia.verbania.it
 
Entrambi i bandi scadono il 14 maggio 2010


|  2007


(8 novembre 2007)

 

Domande di contributi ai sensi della L. R. 20/98

Beneficiari:
apicoltori professionisti: singoli o associati;
apicoltori amatoriali, che si impegnano a passare al professionismo entro un anno dalla data di presentazione della domanda; 
Interventi finanziabili:
ristrutturazione e ammodernamento delle strutture aziendali;
acquisto di macchine ed attrezzature per la lavorazione dei prodotti dell’alveare;
Tipo di finanziamento:
Strutture: contributo in conto capitale sulla spesa sostenuta, pari al 50% nelle zone di montagna e al 40% nelle zone di collina e pianura;
Attrezzature: contributo in conto capitale sulla spesa sostenuta, pari al 40% nelle zone di montagna e al 30% nelle zone di collina e pianura;


|  2006


 

(1 febbraio 2006)

 

Domande di contributo Reg. Ce 797/04
Con delibera della Giunta Provinciale sono stati aperti i bandi relativi alle domande di contributo ai sensi del Reg. Ce 797/04 sull’apicoltura.
Sono finanziabili le seguenti iniziative:
– acquisto arnie con fondo a rete
– attrezzature per il nomadismo.
Le domande di contributo dovranno essere presentate entro le ore 12 di mercoledì 15 febbraio 2006.