Archivio

Batteriosi del kiwi: revocato il blocco del servizio di impollinazione

actinidia

(22 aprile 2011)

actinidiaE’ stato pubblicato sulla nella Gazzetta Ufficiale del 25 marzo il decreto “Misure di emergenza per la prevenzione, il controllo o l’eradicazione del cancro batterico (PSA) dell’actinidia causato da Pseudomonas syringae pv. Actinidiae” con cui viene ridimensionato il ruolo dell’ape nella trasmissione di questa gravissima malattia che, in poco più di un anno, sta seriamente compromettendo le possibilità di coltivazione del kiwi in vaste zone del cuneese. Considerato il ruolo fondamentale che l’ape riveste per questa specie dioica (piante maschili e femminili) nell’indispensabile servizio di impollinazione, che è senz’altro superiore al rischio di diffusione del patogeno, è stato sospeso il divieto di spostamento degli alveari nelle zone in cui è presente il cancro batterico dell’actinidia, potendo così consentire il prezioso servizio reso dall’ape. Unica raccomandazione non spostare successivamente le api su altri appezzamenti di kiwi in fioritura in zone indenni.

Ricordiamo infine che il principale mezzo di diffusione del patogeno è rappresentato dal vento che trasporta i batteri che penetrano nella pianta soprattutto tramite le micro ferite che si formano sulla pianta a seguito della cadute delle foglie, nel periodo autunnale, e tramite le lenticelle.