Aspromiele

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
HOME ASTI

Asti

 

 


 | 2017


(02 novembre 2017)

Riunione zonale autunno 2017

Asti: martedì 21 novembre 2017 ore 20.30-23.30, corso Felice Cavallotti 41 (sede Coldiretti);


 

(06 giugno 2017)

Corsi sull’inseminazione strumentale delle api regine a San Paolo Solbrito (AT) luglio 2017

Il primo corso si svolgerà nei giorni 10-11 luglio 2017, il secondo (ripetizione del primo) si svolgerà nei giorni 13-14 luglio 2017.
Entrambi i corsi seguiranno l'orario 9-13/14-18 e si svolgeranno presso l’azienda Apicoltura Albero della vita di Massimo Carpinteri. Docente del corso: Agata Cierlinska.
Il contributo richiesto è di euro 30 a partecipante, il corso è a numero chiuso (corsi cofinanziati dalla LR20/98).
Per iscrizioni potete mandare una mail a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   indicando: nome, cognome, codice fiscale e numero di telefono e specificando a quale corso si desidera partecipare.
Per prenotare gli eventuali pranzi e pernottamenti (costo escluso dalla quota di partecipazione) potete telefonare al 335 205763.


 

(18 maggio 2017)

Riunione zonale primaverile

Aspromiele organizza un incontro tecnico che si concentrerà non solo sull’annuale piano di lotta alla varroa, ma anche sugli adempimenti a carico degli apicoltori previsti dalla recente approvazione della Anagrafe Apistica Nazionale. L’incontro si terrà nel seguente giorno e luogo

ASTI: venerdì 26 maggio 2017 ore 20.30 c/o i locali della Coldiretti, corso Felice Cavallotti 41

Lotta alla varroa
Verrà presentato il piano di lotta alla varroa proposto per il 2017 e che terrà conto delle esperienze maturate negli anni passati e dei risultati emersi dalle prove di campo realizzate da Aspromiele nel 2016.

Per ogni informazione potete contattare il tecnico Ulderica Grassone al 335 7024802 o al seguente indirizzo mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


(30 gennaio 2017)

Aspromiele organizza un corso di introduzione all’analisi sensoriale del miele a San Paolo Solbrito (Posti esauriti)
Il corso si svolgerà nei giorni 9-10-11-12 marzo dalle 8:30 alle 12:30, dalle 14:00 alle 18:00.
Al termine del corso, che si compone di una parte teorica e di una pratica, sarà consegnato un diploma che rappresenta il primo passo del percorso formativo che porta all’iscrizione all’Albo nazionale degli esperti in analisi sensoriale del Miele.
Docenti del corso Massimo Carpinteri e Laura Capini.

Il corso costa 10 euro totali (corso finanziato dal Reg. Ce 1308).
Per iscrizioni potete mandare una mail a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , indicando nome, cognome e numero di telefono.
Per prenotare gli eventuali pranzi (costo escluso dalla quota di 10 euro) potete telefonare al 335205763


 

(27 gennaio 2017)

Aggiornamento sugli adempimenti normativi dell’apicoltore amatoriale e professionale

Il giorno mercoledì 22 febbraio 2017 dalle ore 14 alle ore 18 presso la sede della Coldiretti di Asti, corso Felice Cavallotti 41, si svolgerà un incontro finalizzato all’aggiornamento degli apicoltori, sia amatoriali sia professionali, sugli adempimenti normativi, di carattere fiscale e sanitario, che interessano il settore. 
Il costo di partecipazione ammonta a 10 € a persona (corso cofinanziato da Reg. CE 1308/13) ed è riservato ai soci Aspromiele.
 
Docente: dott.ssa Ulderica Grassone
 
Iscrizione obbligatoria via mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. indicando cognome nome, codice fiscale, luogo e data di nascita, recapito telefonico.


(27 gennaio 2017)

Giornata di approfondimento su varroa/nosema e redditività aziendale
 
Il giorno 17  marzo dalle ore 9.00 alle ore 18.00 presso la Sala Verde della Coldiretti di Asti, corso Felice Cavallotti 41, si svolgerà un incontro finalizzato alla presentazione dei risultati delle ultime prove di campo (varroa e nosema ceranae) svolte da Aspromiele nel corso del 2016.
 
Durante tale incontro, inoltre, per sopperire alla mancanza di dati economici, come emerso in occasione della predisposizione del PSR, verrà anche presentato un progetto pilota promosso da Aspromiele inerente la redditività dell’azienda apistica.
 
Il costo di partecipazione ammonta a 10 € a persona (corso cofinanziato da Reg. CE 1308/13) ed è riservato ai soci Aspromiele.
 
Docente: dott. Andrea Fissore
 
Iscrizione obbligatoria via mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. indicando cognome nome, codice fiscale, luogo e data di nascita, recapito telefonico.
 
Distinti saluti
 
Ulderica Grassone


 

(14 gennaio 2017)

Corso di primo livello ad Asti
 
Aspromiele è lieta di presentarvi il corso di apicoltura di primo livello 2017.

1° lezione     martedì 14 febbraio 2017 dalle 20:30 alle 23.00     Anatomia e fisiologia dell'ape
2° lezione    martedì 21 febbraio 2017 dalle 20:30 alle 23.00     Materiali in apicoltura e appunti di normativa
3° lezione    martedì 28 febbraio 2017 dalle 20:30 alle 23.00     Tecnica apistica I
4° lezione    martedì 07 marzo 2017     dalle 20:30 alle 23.00     Tecnica apistica II
5° lezione    martedì 14 marzo 2017     dalle 20:30 alle 23.00     Patologia apistica I
6° lezione     martedì 21 marzo 2017     dalle 20:30 alle 23.00     Patologia apistica II
7° lezione    martedì 28 marzo 2017     dalle 20:30 alle 23.00     I prodotti dell'alveare

Il corso consta di 7 incontri di natura teorica.
Gli argomenti proposti consentiranno ai partecipanti di acquisire la terminologia tecnica, nonché le nozioni fondamentali per una gestione apistica ai passi con le nuove problematiche e sfide che il settore si trova oggi ad affrontare: scelta dei materiali e delle attrezzature, tecnica apistica nel corso delle 4 stagioni, riconoscimento delle patologie e loro contrasto e prodotti dell’alveare, sono solo alcuni degli argomenti trattati.
I docenti saranno gli stessi tecnici apistici di Aspromiele, in grado di assicurare continuità di assistenza anche al termine e al di fuori del corso, affiancati talvolta da apicoltori di comprovata esperienza, capaci di trasferire ai neofiti la passione e il sapere maturato in campo nel tempo.


Costo di partecipazione: 150 €
Sede del corso: Coldiretti Asti Sala Verde– corso Felice Cavallotti 41 – Asti

Per informazioni e iscrizioni: inviare una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. indicando Cognome Nome -  Cell – mail


| 2016


(01 novembre 2016)

L’Anagrafe Apistica Nazionale (BDA), prevede l’obbligo per tutti gli apicoltori sia amatoriali che professionali, di aggiornare annualmente la consistenza (censimento annuale) e la localizzazione degli apiari posseduti (indirizzo e coordinate geografiche) nel periodo compreso tra il 1° novembre ed il 31 dicembre di ogni anno e, nel caso in cui non vi siano state variazioni nella consistenza rispetto ai dati inseriti ad oggi, provvedere comunque a confermare le informazioni già registrate.

Al fine di fornire un aggiornamento in materia e agevolare gli apicoltori che hanno dato delega ad Aspromiele, o che intendano delegarla ora per l’assolvimento di questo adempimento, comunichiamo che sono previsti tre incontri nelle date e sedi sotto indicate:

Ø  ASTI: mercoledì 9 novembre dalle ore 15 alle ore 18

Sede Coldiretti - c.so Felice Cavallotti 41

Ø  NIZZA M.TO: mercoledì 16 novembre dalle ore 15 alle ore 18

Sede Coldiretti - C.so Acqui, 42/44

Ø  CASTELNUOVO D. B.: mercoledì 23 novembre dalle ore 15 alle ore 18

Sede Coldiretti - V.le Europa, 12/B

Il censimento può essere effettuato anche inviando via mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. il modulo “Situazione Apiari - Attività apicoltura” (allegato a questa comunicazione per chi ha dato delega ad Aspromiele) firmato, datato e con le correzioni da apportare in BDA.

Precisiamo che, agli apicoltori che hanno dato delega ad Aspromiele, non sarà richiesto alcun costo aggiuntivo per l’assolvimento di questa pratica, in quanto compreso nella quota già versata per l’iscrizione in BDA.

La scadenza per la consegna ad Aspromiele sarà fine novembre 2016 al fine di rendere possibili le successive operazioni di registrazione in banca dati.

Ricordiamo inoltre a tutti i soci che hanno provveduto autonomamente all’iscrizione in BDA di provvedere ad effettuare il censimento entro il 31-12-2016, operazione che sarà possibile soltanto, come precisato nelle precedenti comunicazioni, con l’impiego della Carta Nazionale dei Servizi.

Chi infine non avesse ancora provveduto all’iscrizione in BDA e intendesse a tal fine delegare Aspromiele, può approfittare dell’occasione.

Si sottolinea l’importanza della registrazione anche alla luce delle sanzioni previste da 1.000 a 4.000 euro per chiunque contravvenga all’obbligo di denuncia della detenzione di alveari o di comunicazione della loro variazione all’anagrafe apistica nazionale in occasione del censimento annuale (L. 28 luglio 2016, n. 154 - art. 34 comma 2).

Per ulteriori informazioni è possibile contattare la dott.ssa Ulderica Grassone al 335/702 48 02


 

 

(20 aprile 2016)

Riunione zonale primavera 2016

Il giorno martedì 03 maggio 2016 a partire dalle ore 20:30 si svolgerà una riunione presso la sede della Coldiretti di Asti, in corso Felice Cavallotti 41. Verrà presentato il piano di lotta alla varroa suggerito per il 2016 e che terrà conto delle esperienze maturate negli anni passati e delle specifiche nuove prove di campo realizzate da Aspromiele.

 


 

(08 febbraio 2016)

Corso di introduzione all’analisi sensoriale del miele a San Paolo Solbrito

Si svolgerà a San Paolo Solbrito (AT), nei giorni 10-11-12-13 marzo 2016 (dalle 09:00-13:00, dalle 14:00-18:00), un corso di introduzione all’analisi sensoriale del miele.
Al termine del corso, che si compone di una parte teorica e di una pratica, sarà consegnato un diploma che rappresenta il primo passo del percorso formativo che porta all’iscrizione all’Albo nazionale degli esperti in analisi sensoriale del Miele.
Il corso prevede molte prove di riconoscimento e di discriminazione dei 18 mieli monoflorali italiani. Il corso è gratuito (poichè finanziato dalla L. Reg. 20/98). E' prevista una convenzione con l'agriturismo per pranzare e pernottare (per informazioni 335205763).
La sede del corso è a San Paolo Solbrito in strada Tagliaverde 10.
In considerazione del fatto che è previsto un numero massimo di partecipanti si consiglia di prenotare per tempo. 
Per informazioni e iscrizioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.    335205763


 

(15 gennaio 2016)

Corso di primo livello ad Asti

Aspromiele (Associazione produttori miele Piemonte fondata a Torino nel 1985 e riconosciuta dalla Regione Piemonte con Dpgr n. 6656 del 15 settembre 1986 ai sensi della Legge 20 ottobre 1978 n. 674/78) è lieta di presentarvi il corso di apicoltura di primo livello 2016.

1° lezione martedì 09 febbraio 2016 dalle 20:00 alle 23.00 Anatomia e fisiologia dell'ape
2° lezione martedì 16 febbraio 2016 dalle 20:00 alle 23.00 Materiali in apicoltura
3° lezione martedì 23 febbraio 2016 dalle 20:00 alle 23.00 Tecnica apistica I
4° lezione martedì 01 marzo 2016 dalle 20:00 alle 23.00 Tecnica apistica II
5° lezione martedì 08 marzo 2016 dalle 20:00 alle 23.00 Patologia apistica I
6° lezione martedì 15 marzo 2016 dalle 20:00 alle 23.00 Patologia apistica II
7° lezione martedì 22 marzo 2016 dalle 20:00 alle 23.00 I prodotti dell'alveare

Il corso consta di 7 incontri di natura teorica.
Gli argomenti proposti consentiranno ai partecipanti di acquisire la terminologia tecnica, nonché le nozioni fondamentali per una gestione apistica ai passi con le nuove problematiche e sfide che il settore si trova oggi ad affrontare: scelta dei materiali e delle attrezzature, tecnica apistica nel corso delle 4 stagioni, riconoscimento delle patologie e loro contrasto e prodotti dell’alveare, sono solo alcuni degli argomenti trattati.
I docenti saranno gli stessi tecnici apistici di Aspromiele, in grado di assicurare continuità di assistenza anche al termine e al di fuori del corso, affiancati talvolta da apicoltori di comprovata esperienza, capaci di trasferire ai neofiti la passione e il sapere maturato in campo nel tempo.
A causa del drastico ridimensionamento dei contributi regionali finalizzati alla formazione, ai quali Aspromiele ha da sempre attinto per consentire l’accesso ai corsi a fronte di una spesa modesta, ci si vede costretti a imporre un costo di partecipazione di euro 150 cadauno, comprensivi della partecipazione al predetto corso di base, dell'abbonamento annuale alla rivista L’Apis e del materiale didattico fornito su supporto informatico.
Sede del corso: Coldiretti Asti, corso F. Cavallotti 41

Per informazioni e iscrizioni inviare una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. indicando Nome - Cognome -  Indirizzo - Cap - Città – Provincia – Cell


 

| 2015


 

(15 novembre 2015)

La Nuova Anagrafe Apistica Nazionale (BDA), prevede anche l'obbligo di aggiornare annualmente la consistenza (censimento annuale) e la dislocazione degli apiari posseduti (indirizzo e coordinate geografiche) nel periodo compreso tra il 1° novembre ed il 31 dicembre di ogni anno, e, nel caso in cui non vi siano state variazioni nella consistenza rispetto ai dati inseriti ad oggi, provvedere comunque a confermare le informazioni già registrate.

Al fine di agevolare gli apicoltori nell’assolvimento di questo adempimento comunichiamo che un nostro tecnico sarà presente presso gli uffici della Coldiretti, Corso Felice Cavallotti 41, Asti - Mercoledì 02 - 09 - 16 dicembre 2015  - dalle ore 09,30 alle ore 12,30  e dalle 14,00 alle 16,00

Per informazioni telefonare al 335 7024802 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


 

(24 aprile 2015)

Riunione zonale primavera 2015

Il giorno giovedì 07 maggio a partire dalle ore 20:00 si svolgerà una riunione presso la sede della Coldiretti di Asti, in corso Felice Cavallotti 41, per la presentazione del piano di lotta alla varroa 2015, le prenotazioni dei presidi sanitari, l'Anagrafe apistica nazionale.


 

(23 gennaio 2015)

Giornata di approfondimento sulla varroa
 
Il giorno venerdì 13 febbraio 2015 dalle ore 14 alle 18, si svolgerà un corso di approfondimento sulla lotta alla varroa presso la sede di Coldiretti in Corso Felice Cavallotti 41. 
Il corso di approfondimento è gratuito (finanziato dal Reg. Cee 1234/07) e riservato ai soci Aspromiele.
Docente: Andrea Fissore

Per informazioni e iscrizioni telefonare al 335 7024802 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


 

(01 gennaio 2015)

Corso di primo livello ad Asti

Corso di primo livello ad Asti – CALENDARIO DEFINITIVO

1° lezione giovedì 12 febbraio 2015 dalle 20:00 alle 23:00 Anatomia e fisiologia dell'ape
2° lezione mercoledì 18 febbraio 2015 dalle 20:00 alle 23:00 Materiali in apicoltura
3° lezione lunedì 23 febbraio 2015 dalle 20:00 alle 23:00 Tecnica apistica I
4° lezione mercoledì 04 marzo 2015 dalle 20:00 alle 23:00 Tecnica apistica II
5° lezione mercoledì 11 marzo 2015 dalle 20:00 alle 23:00 Patologia apistica I
6° lezione mercoledì 18 marzo 2015 dalle 20:00 alle 23:00 I prodotti dell'alveare
7° lezione mercoledì 25 marzo 2015 dalle 20:00 alle 23:00 Patologia apistica II

Il corso consta di 7 incontri di natura teorica. Gli argomenti proposti consentiranno ai partecipanti di acquisire la terminologia tecnica, nonché le nozioni fondamentali per una gestione apistica ai passi con le nuove problematiche e sfide che il settore si trova oggi ad affrontare: scelta dei materiali e delle attrezzature, tecnica apistica nel corso delle 4 stagioni, riconoscimento delle patologie e loro contrasto e prodotti dell’alveare, sono solo alcuni degli argomenti trattati.
I docenti saranno gli stessi tecnici apistici di Aspromiele, in grado di assicurare continuità di assistenza anche al termine e al di fuori del corso, affiancati talvolta da apicoltori di comprovata esperienza, capaci di trasferire ai neofiti la passione e il sapere maturato in campo nel tempo.
A causa del drastico ridimensionamento dei contributi regionali finalizzati alla formazione, ai quali Aspromiele ha da sempre attinto per consentire l’accesso ai corsi a fronte di una spesa modesta, a partire da quest’anno ci si vede costretti a imporre un costo di partecipazione di euro 150 cadauno (un nucleo familiare paga una sola quota di partecipazione), comprensivi, oltre alla partecipazione al predetto corso di base, anche di quota associativa Aspromiele, dell'assicurazione di responsabilità civile dei danni che le api possono arrecare a terzi, dell'abbonamento annuale alla rivista L’Apis e del materiale didattico fornito su supporto informatico.
Per ragioni organizzative il corso potrà essere avviato con il raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Iscrizione obbligatoria via mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. indicando dati anagrafici e recapito telefonico.
Sede corso: Asti, corso F. Cavallotti 41 (sede Coldiretti)


2014


 

(17 novembre 2014)

Riunione zonale Asti

Mercoledì 26 novembre 2014 alle ore 20:00 presso la Coldiretti in C.so Cavallotti 41 ad Asti, Aspromiele organizza un incontro con gli apicoltori finalizzato alla raccolta dei moduli del censimento 2014 (ricordare la carta di identità in fotocopia).
Più avanti sarà comunicata la data in cui si organizzerà una riunione con oggetto la varroa e la presentazione di tutte le prove sperimentali effettuate da Aspromiele nel corso dell’anno.


 

 

(29 aprile 2014)

Incontro e prenotazione prodotti sanitari ad Asti
La riunione si svolgerà lunedì 12 maggio alle ore 20,30 ad Asti, in corso F. Cavallotti, 41 presso la sala riunioni della Coldiretti.
Nella riunione sarà presentato il piano di lotta alla varroa suggerito per il 2014 e le iniziative che Aspromiele realizzerà nel corso di quest'anno.
Nel contempo si potrà procedere con la prenotazione dei presidi sanitari. Il servizio è riservato ai soci Aspromiele in regola con la quota associativa.
Si ricorda che per aderire all'acquisto collettivo è necessario che il modulo di richiesta venga consegnato al tecnico di zona inderogabilmente entro il prossimo 31 maggio.


 

(17 febbraio 2014)

Apertura bando provincia di Asti (Reg. Ce 1234)
Beneficiari: Possono accedere alla concessione dei contributi gli apicoltori singoli o in forma associata in possesso dei seguenti requisiti:
– aver presentato la  denuncia annuale di possesso alveari per l’anno 2013
– essere in possesso di Partita IVA per attività apistica od agricola alla data di presentazione della domanda
– essere iscritti al registro delle imprese della Camera di Commercio
- condurre almeno 52 alveari, rilevati dall’ultimo censimento apistico regionale
– aver costituito il fascicolo aziendale presso un CAA con regolare mandato, prima della presentazione della domanda
Modalità di presentazione delle domande: Le domande dovranno essere presentate, nel periodo compreso tra la data della Delibera di approvazione del bando sino a lunedì 31 marzo 2014 alla Provincia di Asti, Servizio Agricoltura, p.za San Martino 11, 14100 Asti, utilizzando il modello predisposto da AGEA con codice a barre ritirabile presso l’Ufficio Zootecnia o scaricabile dal sito del SIAN, area pubblica, al seguente indirizzo:http://www.sian.it/portale-sian, completato con la documentazione richiesta nel bando e con le dichiarazioni utili per l’assegnazione del punteggio.
Esclusioni: Non saranno ammessi a finanziamento:
– acquisti effettuati prima della presentazione della domanda
– acquisti di attrezzature usate
– IVA, imposte o tasse
Azioni finanziabili: Acquisto arnie idonee a una razionale lotta alla varroa - Arnie con fondo a rete.
Tutte le arnie che beneficeranno del contributo dovranno essere identificate con un contrassegno indelebile e non asportabile che riporti il riferimento legislativo, l’anno di approvazione del programma, ed il codice identificativo ASL (REG 1234 2014 + Codice ASL). L’identificazione con contrassegno indelebile e non asportabile sarà a carico dei richiedenti. Ai fini del rendiconto dovrà essere presentata copia delle fatture quietanzate con indicazione “finanziato ai sensi del Reg. CE 1234/2007”. Il pagamento degli acquisti dovrà essere effettuato esclusivamente con assegno o bonifico, non sarà ammesso il pagamento in contanti.
Per poter essere ammessi al contributo sarà necessario acquistare un numero minimo di arnie pari a 25 ed un numero massimo pari a 50 arnie, valore elevabile nel caso in cui le domande presentate non esauriscano i fondi disponibili, corrispondenti ad una spesa minima ammissibile di euro 2.000,00 o una spesa massima ammissibile di euro 4.000,00 per ogni domanda, considerando una spesa ammessa per singola arnia pari ad euro 80,00 (IVA esclusa).
Percentuale contributo: La percentuale del contributo, rispetto all’investimento ammissibile sarà pari al 60%;
Priorità: Ai fini della definizione delle aziende che possono accedere al contributo, sarà predisposta una graduatoria provinciale sulla base di un punteggio complessivo assegnato nel seguente modo:
Aziende apistiche che hanno subito danni nell’ultimo biennio (avvelenamenti) verificabili attraverso denuncia presentata presso pubblica autorità che deve essere allegata in copia alla domanda. (PUNTI 4);
Aziende apistiche che non hanno percepito benefici con fondi comunitari riguardanti l’apicoltura negli ultimi 3 anni (PUNTI 4);
Aziende apistiche con sede legale situata in montagna (PUNTI 3);
Aziende apistiche con sede legale situata  in altra zona (PUNTI 2);
Giovani apicoltori (PUNTI 2); Nel caso di istanza  presentata da società il punteggio è assegnabile se la maggioranza dei soci rientra nel predetto limite
Apicoltori biologici (PUNTI 3);
A parità di punteggio sarà considerato prioritario il numero di alveari denunciati nel 2013.
Per giovani apicoltori si intendono gli apicoltori che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto 18 anni e non ancora compiuto 40 anni.).
La zona altimetrica viene individuata da centro aziendale, come dichiarato in domanda, o dalla posizione dei locali dove avviene la lavorazione del prodotto dell’alveare (se di proprietà del titolare della domanda).
Procedure: Le domande dovranno essere presentate  con le modalità previste al punto 2), alla Provincia  di Asti, Servizio Agricoltura, piazza San Martino, 11 – 14100 Asti, con allegata la documentazione richiesta:
a)preventivi di spesa, se già in possesso
b)fotocopia del certificato di attribuzione della Partita IVA
c)certificato di iscrizione alla C.C.I.A.A.
d)certificato di iscrizione al registro delle Imprese della Camera di Commercio
e)copia della denuncia alveari 2013;
f)documentazione attestante la produzione biologica (eventuale)
a partire dalla data della presente deliberazione a lunedì 31 marzo 2014.

Per informazioni e aiuto nella compilazione delle domande è possibile contatatre il tecnico di zona Ulderica Grassone 3357024802.

 


 

 (07 gennaio 2014)

Corso di formazione di primo livello - principiante

Lunedì 27-1-2014 - dalle ore 20,00 alle ore 23,00 - Anatomia e fisiologia dell'ape 
Lunedì 3-2-2014 - dalle ore 20,00 alle ore 23,00 - Materiali in apicoltura
Lunedì 10-2-2014 - dalle ore 20,00 alle ore 23,00 - Tecnica apistica I
Lunedì 17-2-2014 - dalle ore 20,00 alle ore 23,00 - Tecnica apistica II 
Lunedì 24-2-2014 - dalle ore 20,00 alle ore 23,00 - Patologia apistica I 
Lunedì 3-3-2014 - dalle ore 20,00 alle ore 23,00 – I prodotti dell'alveare
Lunedì 10-3-2014 - dalle ore 20,00 alle ore 23,00 – Patologia apistica II
 
Iscrizione obbligatoria via mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. indicando dati anagrafici e recapito telefonico. Contributo per partecipante: 10 € (corso cofinanziato dalla L. R. 20/98)
Sede corso: Asti, corso F. Cavallotti 41 (sede Coldiretti)

Serate di approfondimento

Lunedì 17-3-2014 - dalle ore 20,00 alle ore 23,00 - Metodi di formazione nuclei 
Lunedì 24-3-2014 - dalle ore 20,00 alle ore 23,00 - Blocco estivo della covata
Lunedì 31-3-2014 - dalle ore 20,00 alle ore 23,00 - Adempimenti normativi in apicoltura
 
Iscrizione obbligatoria via mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. indicando dati anagrafici e recapito telefonico. Contributo per partecipante: 10 € (corso cofinanziato dalla L. R. 20/98)
Sede corso: Asti, corso F. Cavallotti 41 (sede Coldiretti)
 

Corso di formazione pratica in apiario (POSTI ESAURITI)

Mercoledì 2 aprile  - dalle ore 14,00 alle ore 18,00 - Conduzione apiario
Mercoledì 16 aprile - dalle ore 14,00 alle ore 18,00 - Prevenzione sciamatura
Mercoledì 7 maggio - dalle ore 14,00 alle ore 18,00 - Controllo sciamatura 
Mercoledì 21 maggio - dalle ore 14,00 alle ore 18,00 - Apiario in produzione
Mercoledì 4 giugno - dalle ore 14,00 alle ore 18,00 - Formazione sciami artificiali
Mercoledì 18 giugno - dalle ore 14,00 alle ore 18,00 - Produzione polline
Merc 9 luglio - dalle ore 14,00 alle ore 18,00 - Blocco della regina
 
Iscrizione obbligatoria via mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. indicando dati anagrafici e recapito telefonico. Contributo per partecipante: 10 € (corso cofinanziato dalla L. R. 20/98)
Sede corso: da definirsi (presso apiari di apicoltori soci)
Per la partecipazione è necessario essere muniti di tuta, guanti e scarponcini.
 
 
 

Corso di analisi sensoriale di primo livello (4 giorni)

Giovedì 27 febbraio - dalle ore 09,00 alle ore 13,00 e dalle ore 14,30 alle ore 18,30
Venerdì 28 febbraio - dalle ore 09,00 alle ore 13,00 e dalle ore 14,30 alle ore 18,30
Sabato 1 marzo - dalle ore 09,00 alle ore 13,00 e dalle ore 14,30 alle ore 18,30
Domenica 2 marzo - dalle ore 09,00 alle ore 13,00 e dalle ore 14,30 alle ore 16,30
 
Per informazioni e iscrizione contattare la segreteria di Cuneo, sig.ra Serena Demarchi: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o telefono 0171/447487
Contributo per partecipante: 100 € per 4 pasti (corso cofinanziato dalla L. R. 20/98)
Sede corso: via Tagliaverde, 10 reg. Ravizza - S. Paolo Solbrito
 
 
 
Corso Linee guida per il settore apicoltura ai sensi del Reg. 852 e consegna del manuale di corretta prassi igienica

Sono aperte le iscizioni per il corso sulle Linee Guida Settore Apicoltura (Reg 852) Data luogo di svolgimento sono da definirsi in base alle prenotazioni. Contributo per partecipante: 100 €
Per informazioni e adesioni inviare una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   o contattare il tecnico Ulderica Grassone al 335 7024802 entro fine febbraio 2014
 
 

| 2013

 
(15 novembre 2013)
Riunione di zona ad Asti

Incontro sui trattamenti invernali e ritiro dei censimenti apistici annuali
Lunedì 02 dicembre alle ore 21.00 presso la sede della Coldiretti in Corso Felice Cavallotti, 41 ad Asti.
Per informazioni si può contattare il tecnico Ulderica Grassone al 335 7024802
 
(10 maggio 2013)
Prenotazione prodotti sanitari ad Asti
La riunione si svolgerà mercoledì 22 maggio alle ore 20:30 ad Asti, in corso F. Cavallotti, 41
Nella riunione sarà presentato il piano di lotta alla varroa suggerito per il 2013 e le iniziative che Aspromiele realizzerà nel corso di quest’anno.
Nel contempo si potrà procedere con la prenotazione dei presidi sanitari. Il servizio è riservato ai soci Aspromiele in regola con la quota associativa.
Si ricorda che per aderire all’acquisto collettivo è necessario che il modulo di richiesta venga consegnato al tecnico di zona inderogabilmente entro il prossimo 31 maggio.

 
 
(26 febbraio 2013)
Serata tematica ad Asti su varroa e trattamenti estivi
Mercoledì 6 marzo 2013 alle ore 21:00 presso la Coldiretti di Asti in C.so Felice Cavallotti, 41 Asti
Ingresso libero, riservato ai soci Aspromiele.
 
Corso “Linee guida per il settore apicoltura” ai sensi del Regolamento Ce 852 e consegna del Manuale di corretta prassi igienica
Lunedì 11 marzo dalle 9:00 alle 17.00 presso la Coldiretti di Asti in C.so Felice Cavallotti, 41 Asti
Costo del corso 100 € (con fattura)
Obbligo di prenotazione
Riservato ai soci Aspromiele

 
 
(22 febbraio 2013)
Apertura bando per contributo per l'acquisto di arnie con fondo antivarroa (Reg. Ce 1234/07)
La giunta provinciale ha aperto un bando per l'acquisto di arnie con fondo antivarroa.
Beneficiari
Possono accedere alla concessione dei contributi gli apicoltori singoli od in forma associata in possesso dei seguenti requisiti:
1 – aver presentato la  denuncia annuale di possesso alveari per l’anno 2012
2 – essere in possesso di Partita IVA per attività apistica od agricola alla data di presentazione
della domanda
3 – essere iscritti al registro delle imprese della Camera di Commercio
4 – condurre almeno 52 alveari, rilevati dall’ultimo censimento apistico regionale
5 – aver costituito il fascicolo aziendale presso un CAA con regolare mandato, prima della
presentazione della domanda

Modalità di presentazione delle domande
Le domande dovranno essere presentate entro lunedì 11 marzo 2013 alla Provincia di Asti, Servizio Agricoltura, p.za San Martino 11, 14100 Asti, utilizzando il modello predisposto da AGEA con codice a barre ritirabile presso l’Ufficio Zootecnia o scaricabile dal sito del SIAN , area pubblica, al seguente indirizzo:
http://www.sian.it/portale-sian/attivaservizio.isp?sid=166&servizio=scarico+moduli&bottoni=no
completato con la documentazione richiesta nel bando e con le dichiarazioni utili per l’assegnazione del punteggio.

Esclusioni
Non saranno ammessi a finanziamento:
1 – acquisti effettuati prima della presentazione della domanda
2 – acquisti di attrezzature usate
3 – IVA, imposte o tasse

Azioni finanziabili
Acquisto arnie idonee ad una razionale lotta alla varroa - Arnie con fondo a rete.
Tutte le arnie che beneficeranno del contributo dovranno essere identificate con un contrassegno indelebile e non asportabile che riporti il riferimento legislativo, l’anno di approvazione del programma, ed il codice identificativo ASL ( REG 1234 2013 + Codice ASL). L’identificazione con contrassegno indelebile e non asportabile sarà a carico dei richiedenti. Ai fini del rendiconto dovrà essere presentata copia delle fatture quietanzate con indicazione “finanziato ai sensi del Reg. CE 1234/2007”. Il pagamento degli acquisti dovrà essere effettuato esclusivamente con assegno o bonifico, non sarà ammesso il pagamento in contanti.
Per poter essere ammessi al contributo sarà necessario acquistare un numero minimo di arnie pari a 25 ed un numero massimo pari a 50 arnie, valore elevabile nel caso in cui le domande presentate non esauriscano i fondi disponibili, corrispondenti ad una spesa minima ammissibile di euro 2.000,00 o una spesa massima ammissibile di euro 4.000,00 per ogni domanda, considerando una spesa ammessa per singola arnia pari ad euro 80,00 (IVA esclusa).


Percentuale contributo
La percentuale del contributo, rispetto all’investimento ammissibile sarà pari al 60%

Priorità
Ai fini della definizione delle aziende che possono accedere al contributo, sarà predisposta una graduatoria provinciale sulla base di un punteggio complessivo assegnato nel seguente modo:
a) Aziende apistiche che hanno subito danni nell’ultimo biennio (avvelenamenti) verificabili attraverso denuncia presentata presso pubblica autorità che deve essere allegata in copia alla domanda. (PUNTI 4);
b) Aziende apistiche che non hanno percepito benefici con fondi comunitari riguardanti l’apicoltura negli ultimi 3 anni (PUNTI 4);
c) Aziende apistiche con sede legale situata in montagna (PUNTI 3);
d) Aziende apistiche con sede legale situata  in altra zona (PUNTI 2);
e) Giovani apicoltori (PUNTI 2); Nel caso di istanza  presentata da società il punteggio è assegnabile se la maggioranza dei soci rientra nel predetto limite
f) Apicoltori biologici (PUNTI 3);

La zona altimetrica viene individuata da centro aziendale, come dichiarato in domanda, o dalla posizione dei locali dove avviene la lavorazione del prodotto dell’alveare (se di proprietà del titolare della domanda).

Procedure
Le domande dovranno essere presentate alla Provincia  di Asti, Servizio Agricoltura, piazza San Martino, 11 – 14100 Asti, con allegata la documentazione richiesta:
a) preventivi di spesa, se già in possesso
b) fotocopia del certificato di attribuzione della Partita IVA
c) certificato di iscrizione alla C.C.I.A.A.
d) certificato di iscrizione al registro delle Imprese della Camera di Commercio
e) copia della denuncia alveari 2012;
f) documentazione attestante la produzione biologica (eventuale)

Per informazioni potete contattare il tecnico Ulderica Grassone al 3357024802 oppure Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
 
(25 gennaio 2013)
Corso di primo livello ad Asti
Aspromiele organizza a partire da mercoledì 13 febbraio 2013 un corso di apicoltura per principianti.
Il corso prevede 6 incontri (orario 17,30 - 20,30), con cadenza settimanale secondo il calendario sotto indicato.
Gli incontri si terranno ad Asti, corso Felice Cavallotti 41, presso la Sala Verde della Coldiretti Asti.
La partecipazione al corso è aperta a tutti e prevede un contributo di € 10 cadauno.
Calendario corso:
Mercoledì 13 febbraio:     Biologia e vita sociale delle api
Mercoledì 20 febbraio:     Materiali e prodotti delle api
Mercoledì 27 febbraio:     Tecnica apistica I
Mercoledì 06 marzo:        Tecnica apistica II
Mercoledì 13 marzo:        Varroa e tecniche di lotta
Mercoledì 20 marzo:        Altre patologie delle api
E’ richiesta la prenotazione inviando mail all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o telefonare al numero 335 7024802.
 

| 2012

 
(31 ottobre 2012)
Bando aiuto apicoltura (L.r. 20/1998)
1) Beneficiari:
Apicoltori produttori apistici singoli o associati, residenti in Provincia di Asti, che svolgono attività apistica a fini economici e a titolo principale, in possesso di P. IVA attinente il settore agricolo, di iscrizione alla CCIAA come impresa agricola e/o apistica, di regolare posizione contributiva in regola con la denuncia annuale di possesso degli alveari di cui all’art. 12, comma 3 della L.r. 20/98, che abbiano costituito il fascicolo aziendale presso un CAA, ai sensi del DPR 1/12/99, n° 503 e della DGR n° 46 – 639 del 1/8/2005 relativa all’approvazione delle “Linee guida per la gestione dell’Anagrafe agricola unica in Piemonte.” Per le forme associative l’attività apistica deve essere l’attività economica
prevalente, desumibile dall’atto costitutivo.
Apicoltori amatoriali (allevatori di api senza finalità economiche e commerciali), residenti in Provincia di Asti, in regola con la denuncia annuale di possesso degli alveari di cui all’art. 12, comma 3 della L.r. 20/98, che sottoscrivano, al momento della presentazione del presente bando, l’impegno ad acquisire, entro un anno, tutti i requisiti dell’apicoltore produttore apistico e a proseguire l’attività apistica per almeno 5 anni, pena
la restituzione delle somme percepite e maggiorate degli interessi legali.
2) Interventi e attività finanziabili:
a) Acquisto attrezzature per la lavorazione e la commercializzazione dei prodotti dell’alveare.
b) Acquisto o allevamento e selezione di api regine di razza ligustica.
c) Sostituzione di api regine presenti in allevamento all’interno delle zone di rispetto di cui all’art. 27 della L.r. 20/98, con api regine di razza ligustica.
d) Ogni altra iniziativa utile allo sviluppo ed all’incremento quali – quantitativo dell’apicoltura e dei suoi prodotti, compresa la possibilità di acquistare pacchi di api e nuclei provenienti dal territorio nazionale, accompagnati da idonea certificazione di origine e sanità, in sostituzione delle famiglie perdute a causa di avvelenamenti da prodotti fitosanitari usati in agricoltura o in conseguenza di infestazioni da Varroa, nel periodo 2011 – 2012, verificabili, nel primo caso attraverso copia della denuncia presentata presso la pubblica autorità, nel secondo caso da apposita autocertificazione conforma all’allegato A al presente bando.
L’acquisto delle api sarà ammissibile solo per le aziende condotte da apicoltori produttori apistici che dimostrino di aver subito decrementi numerici non inferiori al 30% del potenziale di famiglie attive (con un minimo di 40 alveari posseduti), deducibile dai dati forniti in occasione del censimento relativo all’anno 2011.
3)Procedure:
Le domande di contributo dovranno essere presentate o spedite alla Provincia di Asti, Servizio Agricoltura, piazza San Martino, 11, 14100 Asti, entro venerdì 7 dicembre.
Agevolazioni previste:
Per la realizzazione delle attività e iniziative di cui ai punti a, b, c, d è prevista la concessione di contributi in conto capitale pari al 35% della spesa autorizzata nelle zone di montagna, 30% nelle restanti zone della Provincia.
Detti limiti sono elevabili di 5 punti percentuali nel caso di giovani di età compresa tra 18 e 40 anni,
Limite di spesa:
La spesa massima globale ammissibile è pari a € 3.000,00, per gli intervento di acquisto macchine ed attrezzature per la lavorazione e la commercializzazione dei prodotti dell’alveare, e di  commercializzazione dei prodotti dell’alveare, e di € 1.000,00 per gli interventi di allevamento e sostituzione delle api regine.
Relativamente all’acquisto di pacchi di api e di nuclei in sostituzione delle famiglie perdute a causa di avvelenamenti da prodotti fito – sanitari usati in agricoltura o in conseguenza di infestazioni da Varroa, nel periodo 2010 – 2011, la spesa massima unitaria per pacco di api non potrà superare € 20,00 al Kg con un limite di 2 Kg di api per pacco e di € 80,00 per nucleo, se provenienti da allevamenti convenzionali e di € 95,00 se provenienti da allevamenti biologici.
Nel caso di acquisto di nuclei è necessario presentare la certificazione, rilasciata dalle preposte Autorità, attestante l’idoneità sanitaria e, limitatamente all’ape regina, l’appartenenza al tipo genetico delle api delle razze Apis mellifera ligustica o ecotipi locali prodotte in Italia.
Criteri per la formazione delle graduatorie: Punteggi e Priorità:
Apicoltori che non hanno usufruito del contributo negli ultimi due bandi: Punti 25
Centro aziendale situato in zona di montagna: Punti 10
Azienda apistica condotta da giovani in età compresa tra 18 e 40 anni, sia individualmente che in forma associata. Punti: 10
Numero di alveari posseduti (censimento 2011):        
da 10 a 50: Punti 1
da 51 a 100: Punti 5
da 100 a 151: Punti 10
da 151 a 200: Punti 15
da 201 a 250: Punti 20
oltre 250: Punti 25
Azienda apistica biologica: Punti 10
Esercizio attività nomadismo: Punti 10
Limiti di intervento ed esclusioni.
Non sono finanziabili gli acquisti di macchinari ed attrezzature usati.
Inoltre non sono ammissibili le spese relative a :
IVA, imposte e Tasse.
Tipologie di investimento non previste dal presente bando. In particolare l’aiuto non riguarderà le arnie, il materiale di consumo, gli automezzi di qualsiasi tipologia.
Manutenzione e riparazione di macchinari ed attrezzature, nonché le spese
di trasporto.
Vincoli di destinazione d’uso:
Gli investimenti finanziati non possono essere distolti, né alienati per un periodo di almeno 5 anni.

(07 maggio 2012)
Prenotazione prodotti sanitari
Giovedì 17 maggio ore 21:00
Ad Asti, presso la sede di Coldiretti in c.so F. Cavallotti, 41
Nella riunione sarà presentato il piano di lotta alla varroa suggerito per il 2012 e le iniziative che Aspromiele realizzerà nel corso di quest’anno. Allegato alla presente si trova il modulo per la prenotazione dei presidi sanitari.
Per aderire all’acquisto collettivo dei presidi sanitari è indispensabile che la prenotazione degli stessi avvenga inderogabilmente entro il prossimo 31 maggio. Successivamente non potranno essere prese in considerazione ulteriori richieste.
Con l’occasione si ricorda che dal mese di maggio parte la copertura  assicurativa di R.C. sugli alveari inclusa nella quota associativa: chi ancora non avesse provveduto al rinnovo della quota, può farlo in occasione della riunione.
Per ulteriori informazioni è possibile contattare il tecnico Ulderica Grassone al 335 7024802

(08 marzo 2011)
Corso "Linee Guida del settore apistico"
Mercoledì 28 marzo, orario 9:00-12:30 / 14:00-17:00 c/o la sede di Coldiretti – c.so F. Cavallotti 41.
Per prenotazioni tel 335 7024802, e-mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
 
(09 gennaio 2012) 
Corsi di base per apicoltori
Sede del corso: Asti, c.so Felice Cavallotti 41
Orario: 20:30 – 23:30
Date:
Giovedì 02 febbraio 2012: Biologia e vita sociale delle api (Docente Andrea fissore)
Giovedì 09 febbraio 2012: Materiali e prodotti delle api (Docente Ulderica Grassone)
Giovedì 16 febbraio 2012: Tecnica apistica I (Docente Andrea fissore)
Giovedì 23 febbraio 2012: Tecnica apistica II (Docente Andrea Fissore)
Giovedì 01 marzo 2012: Varroa e tecniche di lotta (Docente Ulderica Grassone)
Giovedì 08 marzo 2012: Altre patologie delle api (Docente Ulderica Grassone)
Costo complessivo di partecipazione al corso: 10 euro
Per le iscrizioni si può inviare una e-mail di adesione all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. oppure telefonare al numero 335/7024802, indicando i dati anagrafici dei partecipanti unitamente al codice fiscale.



Incontro di approfondimento per apicoltori (corso secondo livello)
Sede del corso: Asti, c.so Felice Cavallotti 41
Orario: 9.00 – 13.00
Data:
Sabato 04 febbraio 2012
Costo di partecipazione al corso: 5 euro
Per le iscrizioni si può inviare una mail di adesione all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. oppure telefonare al numero 335/702 48 02, indicando i dati anagrafici dei partecipanti unitamente al codice fiscale.
 

 
(02 febbraio 2012)
Corsi di analisi sensoriale a San Paolo Solbrito
Corso di primo livello
Da Giovedì 23 a Domenica 26 febbraio 2012.
A San Paolo Solbrito in Via Tagliverde 10.       
Da giovedì a sabato: dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 18:30.     
Domenica: dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 16:30.     
 

L'iscrizione ai corsi è obbligatoria. Si può telefonare alla segreteria di Aspromiele di Cuneo allo 0171 447487 oppure inviare una e-mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
 
 

(04 gennaio 2012)
 
Bando di aiuto all'apicoltura 2012
Con deliberazione n° 361 del 28/12/2011 la Giunta Provinciale ha approvato il bando per l'attuazione delle disposizioni speciali relative all'apicoltura ad oggetto: "Reg. Ce 1234/2007: disposizioni speciali relative all'apicoltura. Programma regionale 2011 - 2012: approvazione del bando per l'attuazione della Misura B3 (azioni di lotta alla varroasi) e di presentazione delle domande di contributo.
Termine presentazione delle domande: venerdì 30 marzo 2012.
Acquiti consentiti: arnie con fondo a rete antivarroa.
Modulistica disponibile sul sito SIAN (www.SIAN.it)- utilità - download - download modulistica - scarico moduli - servizi.
Oppure presso l'ufficio zootecncia della provincia di Asti, p.za San Martino 11, 14100 ASTI.
 
 

 2011

 
(05 settembre 2011)
 
Bando di aiuto all'apicoltura 2011
 
 
Le domande di aiuto devono essere presentate o spedite alla provincia di Asti entro il 14 ottobre 2011.
Il bando è rivolto sia ad apicoltori produttori sia ad apicoltori amatoriali che si impegnino ad acquisire entro un anno tutti i requisiti dell’apicoltore produttore.
Per informazioni telefonate al 335 7024802

 
 
 

 
(20 maggio 2011)
Corso di inseminazione strumentale delle regine
Aspromiele, nell’ambito delle disposizioni del  Reg. Ce 1234, organizza un corso di inseminazione strumentale di api regine indispensabile per ogni progetto di miglioramento genetico.
Il corso si svolgerà a San Paolo Solbrito in provincia di Asti, il 6 e 7 giugno dalle 8:30 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 18:00.
Il corso, trattandosi di pratiche complesse che necessitano di strumentazioni particolari, prevede un numero massimo di 10 partecipanti.
Il costo complessivo del corso è assai superiore del massimale di spesa prevista dal Regolamento Ce 1234. Il contributo pubblico risulta quindi non sufficiente alla copertura dei costi, motivo per cui viene richiesta a ogni corsista una quota di partecipazione di 180 euro, comprensiva dei pranzi.
Per chi fosse interessato è possibile il pernottamento.
Per prenotazioni e informazioni telefonare al 0131 250368 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

(11 maggio 2011)
Riunione primaverile ad Asti
Nella riunione (finanziata dal Reg. Ce 1234) verrà presentato il piano di lotta alla varroa suggerito per il 2011 e le iniziative che Aspromiele realizzerà nel corso di quest'anno.
Appuntamento ad Asti in corso Cavallotti, 41; lunedì 16 maggio dalle ore 20:30.
Per informazioni si può contattare il tecnico dott.ssa Ulderica Grassone al 335 7024802

(15 aprile 2011)
Corso di inseminazione strumentale delle regine a San Paolo Solbrito
Aspromiele, nell’ambito delle disposizioni del  Reg. Ce 1234, organizza un corso di inseminazione strumentale di api regine indispensabile per ogni progetto di miglioramento genetico.
Il corso si svolgerà a San Paolo Solbrito in provincia di Asti, il 6 e 7 giugno dalle 8:30 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 18:00.
Il corso, trattandosi di pratiche complesse che necessitano di strumentazioni particolari, prevede un numero massimo di 10 partecipanti.
Il costo complessivo del corso è assai superiore del massimale di spesa prevista dal Regolamento Ce 1234. Il contributo pubblico risulta quindi non sufficiente alla copertura dei costi, motivo per cui viene richiesta a ogni corsista una quota di partecipazione di 180 euro, comprensiva dei pranzi.
Per chi fosse interessato è possibile il pernottamento.
Per prenotazioni e informazioni telefonare al 0131 250368 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.                
Presso la ditta Hobby Farm di Biella è possibile, per i partecipanti a questo corso, acquistare la macchina per l’inseminazione strumentale a un prezzo speciale.    

(15 gennaio 2011)
In provincia di Asti sono in programma i seguenti corsi e appuntamenti:
 
a) Corso di apicoltura di primo livello
b) Serate di aggiornamento per professionisti
c) Corso di introduzione all'analisi sensoriale del miele
 
Di seguito i dettagli degli eventi:
a) Corso di apicoltura di primo livello
L’Associazione produttori Aspromiele organizza un corso di apicoltura di primo livello cofinanziato dalla Regione Piemonte ai sensi della L.R. 20/98. Il corso si svolgerà ad Asti presso Coldiretti di Asti, C.so F. Cavallotti, 41
Prima lezione: 07 febbraio 2011 dalle 20,30 alle 23,30. L'ape, insetto sociale
Seconda lezione: 14 febbraio 2011 dalle 20,30 alle 23,30. Materiale e attrezzature
Terza lezione: 21 febbraio 2011 dalle ore 20,30 alle 23,30. Tecnica apistica I
Quarta lezione: 28 febbraio 2011 dalle 20,30 alle 23,30. Tecnica apistica II
Quinta lezione: 14 marzo 2011 dalle 20,30 alle 23,30. Patologia I
Sesta lezione: 21 marzo 2011 dalle 20,30 alle 23,30. Patologia II
Settima lezione: 28 marzo 2011 dalle 20,30 alle 23,30. I prodotti dell'alveare
Il corso, cofinanziato dalla Regione Piemonte, è gratuito.
Per informazioni e iscrizioni contattare il tecnico Ulderica Grassone al 335 7024802

b) Serate di aggiornamento per professionisti
L’Associazione produttori Aspromiele organizza tre serate di aggiornamento di apicoltura cofinanziate dalla Regione Piemonte ai sensi della L.R. 20/98. Il corso si svolgerà ad Asti presso la Coldiretti di Asti in C.so F. Cavallotti, 41
Prima lezione: 16 febbraio 2011 dalle 20,30 alle 23,30. Adempimenti normativi per un'azienda professionale
Seconda lezione: 16 marzo 2011 dalle 20,30 alle 23,30. Valutazione economica dell'attività apistica professionale
Terza lezione: 13 aprile 2011 dalle 20,30 alle 23,30. Lotta alle patologie in una azienda apistica professionale
Le serate, cofinaziate dalla Regione Piemonte, hanno un costo totale di partecipazione di 10 euro.
Per informazioni e iscrizioni contattare il tecnico Ulderica Grassone al 335 7024802
c) Corso di introduzione all'analisi sensoriale del miele
Programma del corso di introduzione all'analisi sensoriale del miele: 
Primo giorno:
17 febbraio, mattina: 9.00 - 13.00
Presentazione del corso, dei relatori e dei partecipanti
L'analisi sensoriale: principi generali, elementi di fisiologia sensoriale, l'ambiente, i materiali, le variazioni individuali
Prova dei 4 sapori e verifica dei limiti di percezione individuale
Pomeriggio: 14.30 - 18.30
Prova olfattiva di riconoscimento di odori standard
Prova olfattiva su mieli uniflorali
Il miele: origine, composizione, proprietà fisiche, alimentari, biologiche
Secondo giorno:
18 febbraio, mattina: 9.00 - 13.00
La tecnica di degustazione
Degustazione di mieli uniflorali: descrizione e memorizzazione delle caratteristiche olfattive e gustative
Prove di differenziazione
Pomeriggio: 14.30 - 18.30
Prova olfattiva di riconoscimento di mieli uniflorali
Degustazione di mieli cristallizzati con differenti strutture
La cristallizzazione: cause, tecnologia, difetti
Terzo giorno:
19 febbraio, mattina: 9.00 - 13.00
Prova di riconoscimento di mieli uniflorali
Prove di differenziazione
La fermentazione del miele, cos’è, come si riconosce e come si previene
Esercitazione sull’uso del rifrattometro
Pomeriggio: 14.30 - 18.30
Degustazione di mieli difettosi
I difetti del miele: identificazione, cause, rimedi, tecnologie collegate
La conservazione del miele
Riscaldamento del miele: perché può essere necessario, come si applica, vantaggi e inconvenienti
Quarto giorno:
20 febbraio, mattina: 9.00 - 13.00
Prova di riconoscimento di mieli uniflorali in miscela
Prove di differenziazione
Le analisi del miele
Disposizioni legislative
La definizione di miele uniflorale
Sistemi di valorizzazione del miele
Pomeriggio: 14.30 - 16.30
Possibili utilizzazioni della tecnica di analisi sensoriale
Uso del miele in cucina
Prove di abbinamento
Metodi di valutazione (schede)
Prova di valutazione guidata
Prove di valutazione su mieli portati dai partecipanti
Chiusura del corso e consegna degli attestati
 
Il corso si svolgerà presso l'Azienda Agricola L'albero della vita a San Paolo Solbrito (AT) in Stada Tagliaverde, 10.
Il corso, cofinanziato dalla Regione Piemonte, prevede una quota di partecipazione di 50 euro.
Per informazioni e iscrizioni contattare l'ufficio di Aspromiele di Cuneo al 0171 447487

(01 gennaio 2011)
Contributi per l'apicoltura 2011
Sono stati aperti i bandi per la richiesta di contributi per il settore apistico. Le domande scadranno il 31 marzo 2011.
 
 
 

2010

(4 novembre 2010)
Riunione di aggiornamento sui trattamenti invernali e ritiro dei censimenti apistici annuali
Mercoledì 17 novembre alle ore 21.00 presso la sede della Coldiretti in Corso Felice Cavallotti, 41 ad Asti.
Per informazioni si può contattare il tecnico Ulderica Grassone al 335 7024802

(5 maggio 2010)
Riunione dei soci di Aspromiele e discussione del piano di lotta 2010
Si terrà il giorno martedì 11 maggio, ore 20,30, presso la Coldiretti di Asti, Corso F. Cavallotti, 41, l’incontro dei soci Aspromiele della sezione di Asti.
Il programma dei lavori prevede la Discussione del piano di lotta alla varroa 2010.
Per informazioni: Tecnico di zona, Ulderica Grassone 335-7024802

(7 gennaio 2010)
Contributi per l'Apicoltura
Con deliberazione della Giunta Provinciale n° 498 del 23 dicembre 2009, la Provincia di Asti ha aperto il bando per la presentazione delle domande di contributo, per l'anno 2010, ai sensi della L.R. 20/98.
Si allegano il testo integrale del bando, nonché la modulistica per la presentazione delle domande.
Venerdì 19 marzo 2010 il termine ultimo per la presentazione delle domande.
Il bando
Domanda di contributo

2009

 
(29 ottobre 2009)
Corso di apicoltura
A partire dal mese di novembre, con cadenza mensile, si terranno ad Asti una serie di serate di apicoltura. Il corso, cofinanziato dalla Regione Piemonte ai sensi della L.R. 20/98, è totalmente gratuito.
Quando?
Martedì 17 novembre: Invernamento e trattamenti invernali
Martedì 15 dicembre: Novità dalla Commissione Sanitaria
Martedì 19 gennaio: Approfondimenti di tecnica apistica
Martedì 16 febbraio: Polline
Martedì 16 marzo: Anticipiamo la sciamatura
Tutti gli incontri iniziano alle ore 20,30
Dove? Ad Asti, presso la Sala Rossa della Coldiretti, Corso F. Cavallotti, 41.
Durante gli incontri è possibile rinnovare la tessera associativa (comprensiva di assicurazione RC sugli alveari e abbonamento annuale alla rivista L’Apis) e consegnare la denuncia degli alveari alla quale si raccomanda di allegare copia di un documento d’identità.
Per informazioni è possibile contattare il tecnico Aspromiele, dott.ssa Ulderica Grassone cell. 335-7024802

 (8 marzo 2009)
Serate incontro di apicoltura
Apromiele organizza a partire dal 18 marzo una serie di tre incontri serali gratuiti aperti a tutti gli apicoltori.
Le riunioni si terranno presso la Sala Verde della Coldiretti Asti, in Corso Felice Cavallotti, 41 dalle ore 20,30 alle 23,30 secondo il seguente calendario:
Mercoledì 18 marzo: Acido ossalico: gocciolato o sublimato? Risultati delle prove di efficacia e di esposizione al rischio
Mercoledì 25 marzo: Trattamenti estivi: risultati delle prove sperimentali e prospettive per la nuova stagione
Mercoledì 1 aprile: Il biologico in apicoltura tra opportunità e (mille) difficoltà
Sabato 4 aprile dalle ore 9,00 alle ore 13,00 Sala Convegni del Centro Apistico Regionale, presso Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Asti, viale Pilone, 113
Haccp sì, Haccp no
Linee Guida per l’applicazione dell’autocontrollo igienico-sanitario nella produzione primaria del miele
Per ulteriori informazioni contattare il tecnico Aspromiele, dott.ssa Ulderica Grassone al numero 335-7024802

(26 gennaio 2009)
Contibuti all'agricoltura 
Apertura bando 2009 Provincia di Asti (L.R. 20/98) per sostegno agli interventi di ammodernamento e adeguamento dei locali di lavorazione, acquisto macchine e attrezzature per il laboratorio e acquisto di nuclei e pacchi di api.
Termine di presentazione delle domande, venerdì 14 febbraio 2009.
Il Bando 
Domanda di contributo

|  2008

 
(11 dicembre 2008)
Corso di apicoltura realizzato con il cofinanziamento della Regione Piemonte (L.R. 20/98)
Programma

(3 agosto 2008)
Contributi per l'apicoltura
Aperto il bando per la provincia di Asti (L.R. 20/98) relativo alle domande di contributo della regione Piemonte. Scadenza 17 settembre 2008
Il Bando
La Domanda di contributo

(16 maggio 2008)
Varroa: trattamenti 2008 e prenotazione dei prodotti
Avviso, giovedì 22 maggio, alle ore 20,30 presso Sala Rossa della Coldiretti di Asti (corso Felice Cavallotti, 41)
si terrà una riunione su varroa: Trattamenti 2008 e pronatazione dei prodotti
Vista l’importanza e la delicatezza dell’argomento siete tutti invitati a parteciparvi

(13 febbraio 2008)
Giornate di pratica in apiario sabato 1° marzo e sabato 5 aprile
Programma 

(22 gennaio 2008)
Corso di apicoltura di primo livello
Aspromiele sta organizzando un corso di apicoltura rivolto ai principianti e a chi intende avvicinarsi al mondo apistico per la prima volta.
I temi trattati andranno dalla scelta dei materiali e delle attrezzature alla gestione dell’apiario, dalla biologia e fisiologia dell’ape alle patologie più frequenti, per concludersi con i prodotti dell’alveare e la normativa di riferimento.
Gli incontri, 7 in tutto, si svolgeranno nei mesi di febbraio – marzo – aprile 2008, nella fascia oraria serale ed in una sede localizzata tra Asti e Alessandria in funzione delle adesioni raccolte.
Poiché il corso potrà essere avviato al raggiungimento di un numero minimo di allievi, chi fosse interessato a parteciparvi è invitato a prenotarsi telefonando alla Segreteria di Aspromiele al 0131-250368.

(18 gennaio 2008)
Contributi all'apicoltura
Bando per i finanziamenti ai sensi della Legge Quadro 313/2004 in provincia di Asti
Delibera N° 468 del 6 dicembre 2007: Legge 24 dicembre 2004, n°313 recante disciplina in materia di apicoltura: approvazione criteri e modalità di apertura bando di presentazione delle domande di contributo per l’anno 2008.
Domanda di contributo

(7 gennaio 2008)
Corsi ad Asti dal 7 gennaio 2008
Programma

2007

 
(29 ottobre 2007)
Denuncia alveari
Il modulo di denuncia

(16 ottobre 2007)
1° Concorso provinciale "Ferrere miele" e Convegno di apicoltura 
Programma

(10 ottobre 2007)
Contributi per l'apicoltura
Apertura Bando di finanziamento L.R. 20/98
Il finanziamento interessa i seguenti interventi previsti dalla L.R. 20/98:
- acquisto di macchine e attrezzature per la lavorazione e la commercializzazione dei prodotti degli alveari.
- allevamento e selezione di api regine di razza ligustica finalizzati alla formazione di ceppi adatti alle condizioni climatiche e nettarifere del Piemonte e con ottimale resistenza alle patologie e alle parassitosi.
- sostituzione delle regine presenti negli alveari all’interno delle zone di rispetto, di cui all’art. 27 della L.R. 20/98, con api regine di razza ligustica.
Gli aiuti vengono quantificati sotto forma di contributi in conto capitale calcolati in percentuale sulla spesa ammessa. Per acquisto macchine e attrezzature inerenti l’apicoltura spesa massima ammessa per richiedente 12.000 euro e spesa minima di 1.000 euro contributo 30%, elevato al 40% per le aziende situate in zona montana. Non sono ammissibili macchinari e attrezzature usate. Per allevamento e selezione api regine
spesa massima ammessa per richiedente 2.000 euro contributo 30%, elevato al 40% per le aziende situate in zona montana. Verranno finanziati solo acquisti realizzati in data posteriore alla presentazione della domanda. Beneficiari: apicoltori produttori apistici in regola con la denuncia annuale degli alveari, residenti in Provincia di Asti con iscrizione alla Camera di Commercio come impresa agricola, in possesso di Partita Iva per il settore agricolo, di fascicolo aziendale e di regolare posizione previdenziale.apicoltori amatoriali in regola con la denuncia annuale degli alveari e residenti in Provincia di Asti con impegno, pena la restituzione delle somme percepite maggiorate degli interessi legali, a diventare produttori apistici entro un anno e a proseguire l’attività apistica per 5 anni.
Priorità:
- apicoltori produttori apistici astigiani con centro aziendale situato in di montagna
- apicoltori produttori apistici astigiani con centro aziendale situato in collina
- apicoltori produttori apistici astigiani con centro aziendale situato in pianura
- apicoltori amatoriali
Per l’individuazione della zona cui riferire l’apicoltore, si fa riferimento alla localizzazione del centro aziendale (viene individuato come centro aziendale la sede ove risultano ubicati i locali adibiti alla smielatura del prodotto dell’alveare)
Nell’ambito di ciascuna categoria ulteriore priorità sarà riconosciuta nell’ordine :
ai giovani apicoltori (18 – 40 anni)
agli apicoltori biologici (soggetti che risultano iscritti nell’elenco regionale degli apicoltori biologici e che immettono sul mercato prodotti biologici certificati ed etichettati secondo le disposizioni fornite dal Reg. CE n° 2092/91 e succ. modifiche)
agli apicoltori con il maggior numero di alveari denunciati, desunti dall’ultima denuncia annuale.
Le domande presentate da apicoltori che nel 2006 hanno beneficiato del contributo, saranno poste in coda alla graduatoria sempre nel rispetto delle sopra esposte priorità.
Scadenza Mercoledì 14/11/2007.
Il Bando
Domanda di contributo

(28 maggio 2007)
Produzione miele di acacia
Dai dati raccolti tra i produttori astigiani è emersa una situazione poco entusiasmante, comune, peraltro, anche alle altre provincie: il raccolto sulla robinia è iniziato con un anticipo di circa due settimane rispetto agli anni passati, è stato interrotto a metà dal brutto tempo e non è ripreso, come ci si aspettava, dopo la fine della pioggia. I versanti tardivi sono andati in fioritura dopo il cattivo tempo, ma i fiori non erano visitati dalle api.
A causa del marcato anticipo di fioritura le salite a melario nell'ambito degli apiari sono state molto disomogenee: praticamente sono andate in produzione le famiglie che normalmente sarebbero state giudicate a rischio di sciamatura, mentre hanno mancato la produzione le colonie "programmate" per una fioritura di due settimane avanti e quelle reduci da qualche problema sanitario (perste europea).
Il risultato è stato una media di produzione (calcolata anche sulle famiglie che non sono salite a melario per vari motivi) piuttosto bassa, 10-15 kg/alveare, valore che potrebbe subire correzioni a smelatura ultimata.

(28 maggio 2007)
Giornata in apiario
Nei primi giorni di giugno sarà organizzata una nuova "Giornata in apiario" incentrata sulla formazione dei nuclei. Chi fosse interessato a parteciparvi è pregato di contattarmi al Cell. 335-7024802.

(15 maggio 2007)
Piano di lotta alla varroa
Mercoledì 16 maggio, ore 20,30, si terrà una riunione per discutere il piano di lotta territoriale alla varroa ed eventualmente iniziare a prenotare i prodotti da utilizzarsi per i trattamenti estivi.
Il luogo dell'incontro sarà in Corso Felice Cavallotti, 41, Asti, presso la sede della Coldiretti.

(25 aprile 2007)
Primavera, il punto della situazione
All'inizio della fioritura dell'acacia il raccolto potrebbe essere in parte compromesso in molte zone a causa della perdita di bottinatrici.
Avvelenamenti
Già dal mese di marzo sono stati segnalati casi di avvelenamenti e spopolamenti di apiari. Se in taluni casi l’origine è stata facilmente ipotizzabile (semina del mais conciato in prossimità di campi di tarassaco in piena fioritura oppure trattamenti a fruttiferi in fiore), in tal altri, invece, è rimasta l’incertezza della causa.
Si raccomanda chiunque assista a fenomeni di avvelenamento di richiedere tempestivamente l’intervento dell’ASL per il prelievo del campione di api (in giornata) e di informare sempre la propria associazione dell’accaduto. Solo con la documentazione dei fatti è possibile limitare i danni negli anni a venire.
Peste europea
A tutt’oggi si evidenziano casi di peste europea in famiglie sia molto belle sia meno equilibrate, senza un evidente nesso tra causa - effetto. Si raccomanda di prestare molta attenzione nell’individuazione della patologia (munirsi di kit Efb della Vita Europe per il riconoscimento), di eliminare i favi che presentano celle malate e di monitorare la colonia nel tempo evitando spostamenti di favi verso altre colonie.
Corso di iniziazione all’apicoltura
Il 31 marzo si è tenuta una lezione di apicoltura svolta interamente in apiario. Al termine del corso teorico di base tenutosi nell’inverno, da parte degli stessi partecipanti era stata chiesta espressamente una continuazione di natura più pratica. Con l’incontro di marzo i neo apicoltori e gli aspiranti tali hanno avuto modo di toccare con mano cosa vuol dire apicoltura: ognuno ha visitato un alveare, ha dovuto cercare la regina e descrivere a voce quanto osservava.
Visto l‘entusiasmo del gruppo, si replicherà a giugno.
Ulderica Grassone e Andrea Fissore

(17 gennaio 2007)
Contributi per l'apicoltura
La Provincia di Asti ha deliberato l’apertura delle domande ai sensi del Reg. CE 797/04 ed ha stabilito la scadenza del periodo per la presentazione dei documenti al 15/02/2007.
Misure aperte a finanziamento:
B3 acquisto arnie idonee ad una razionale lotta ala varroa (contributo del 60% della spesa ammessa con l’acquisto di minimo 25 max 100 arnie ed un importo massimo per arnia di 41,32 euro, Iva esclusa)
C2.1 acquisto arnie per nomadismo (modalità operative identiche a B3)
C2.2 acquisto materiale specifico per nomadismo (muletti max 35 cv, gru, impianti di sollevamento da montare su trattrici, supporti per arnie) con 50% di contributo su spesa ammessa minima 1.000 euro, massima 5.000 euro per richiedente.
Beneficiari: apicoltori che al momento della presentazione della domanda siano in possesso di P. Iva per l’agricoltura, iscrizione alla Cciaa, smielino in laboratori autorizzati e siano in regola con la denuncia di possesso degli alveari. Limitatamente alla misura C2 si è ammessi a finanziamento se si posseggono almeno 52 alveari.
Per le misure B3 e C2 vengono istituite due graduatorie distinte che seguiranno i seguenti criteri di priorità:
- zona altimetrica (montagna, collina, pianura);
- imprenditori agricoli professionali (IAP);
- apicoltori biologici;
- numero maggiore di alveari dichiarati nella denuncia anno 2005
- apicoltori inseriti in graduatoria nell’anno precedente e non finanziati per mancanza fondi che presenteranno  nuova richiesta;
-  in caso di parità di punteggio, la data di presentazione della domanda e numero di protocollo risultante dall’Ufficio ricevente.
Acquisti: potranno essere ammessi a finanziamento solo gli acquisti effettuati dopo la presentazione delle domande.
Per gli apicoltori inseriti nella graduatoria anno 2005/2006 e non finanziati per mancanza di disponibilità, potranno essere finanziati, perché ritenuti ammissibili, gli acquisti effettuati dopo la presentazione della domanda dell’anno 2005/2006.
Le domande devono essere presentate in piazza S. Martino, 4 Asti, Servizio Agricoltura della Provincia di Asti.
corredate di copia iscrizione Cciaa, fotocopia di attribuzione P. Iva e fotocopia fronte/retro di un documento di identità.
Asti, 08 gennaio 2007
Il tecnico Aspromiele
Ulderica Grassone 335-7024802

2006

 
(29 ottobre 2006)
Incontri con gli apicoltori e consegna dei moduli per il censimento apistico
Come ogni anno, ci si trova tra autunno ed inverno per fare il punto della situazione dell’annata apistica appena terminata e programmare quella nuova. I luoghi di incontro saranno tre: Nizza M.to, San Damiano d’Asti e Casale M.to. Ad Asti invece è programmato un corso di apicoltura di base.
Ricordo inoltre che in occasione degli incontri serali sarà possibile consegnare i moduli del Censimento apistico 2006 (si prega di consegnare i moduli già compilati e corredati da fotocopia di documento di riconoscimento valido). Il modulo è scaricabile dal nostro sito alla pagina normativa.
Vi aspetto quindi nella sede più comoda per Voi da raggiungere.
Ogni ulteriore informazione potrà essere richiesta al tecnico di zona dott.ssa Grassone.
Programma incontri
Il modulo di denuncia

(25 ottobre 2006)
Censimento apistico
Il prossimo 31 dicembre, come previsto dalla Legge Regionale 20/98 "Norme per la disciplina, la tutela e lo sviluppo dell'apicoltura in Piemonte", scadrà il termine ultimo per la presentazione da parte di tutti gli apicoltori dell'annuale dichiarazione del numero di alveari posseduti. Pubblichiamo il modulo di denuncia per la provincia di Asti che potrà essere consegnato al tecnico di zona Ulderica Grassone.
Il modulo di denuncia

(14 giugno 2006)
Trattamenti sulla vite contro lo Scaphoideus Titanus, vettore di Flavescenz dorata
Il primo bollettino dei trattamenti è stato diramato, con consiglio di intervenire su vite nel periodo compreso dal 10 al 17 giugno con Thiametoxan (Actara) oppure, dal 17 al 24 giugno con Clorpirifos etile, Fenitrothion, Etofenprox o Malathion (quest’ultimo solo in formulati emulsione olio/acqua o in olio vegetale).
In concomitanza con il primo trattamento su vite, purtroppo, è cominciato anche il nostro bollettino di guerra e relativo conto dei morti.
Le prime morie si sono registrate il 12 giugno in due apiari in località Castelnuovo don Bosco (AT). I campioni di api saranno inviati ai laboratori di analisi per accertarne le cause.
Si raccomandano tutti gli apicoltori con apiari prossimi ad aree vitate di prestare la massima attenzione ad eventuali morie: in tal caso è opportuno procedere tempestivamente al campionamento delle api appena morte (inserendole in un sacchetto pulito, tipo da freezer) ed alla loro altrettanto rapida surgelazione. Segue quindi comunicazione al tecnico apistico di zona e denuncia all’Asl.

(13 giugno 2006)
Contributi per l'apicoltura
Aperto il bando di presentazione delle domande di contributo per l’anno 2006 relative alla Legge Regionale 20/98 “Norme per la disciplina, la tutela e lo sviluppo dell’apicoltura in Piemonte”. Termine presentazione domande 31 luglio 2006.
Sono previsti contributi per:
Strutture:
- costruzione, ristrutturazione e ammodernamento delle strutture aziendali di lavorazione e
conservazione della produzione degli alveari;
- adeguamento alle norme igienico-sanitarie dei locali della lavorazione dei prodotti dell’alveare.
Acquisto:
- acquisto di macchine e attrezzature per la lavorazione e la commercializzazione dei prodotti degli alveari, acquisto o ammodernamento degli apiari.
- Allevamento e selezione:
- allevamento e selezione di api regine di razza ligustica finalizzati alla formazione di ceppi adatti alle condizioni climatiche e nettarifere del Piemonte e con ottimale resistenza alle patologie ed alle parassitosi;
- sostituzione delle regine presenti negli alveari all’interno delle zone di rispetto, di cui all’art. 27 della L.R. 20/98, con api regine di razza ligustica.
Ulderica Grassone
Domanda di contributo
Il Bando

(17 maggio 2006)
Incontro tecnico - "Varroa: Che fare?"
Giovedì 25 maggio 2006, ore 20,30, Corso Felice Cavallotti, 41 Asti Sala Verde
Nel periodo autunnale ed invernale molte api sono morte, molti dubbi sono emersi … e ora? Che cosa faremo in estate?
L'incontro è aperto a tutti, ma soprattutto sollecito tutti gli apicoltori a parteciparvi, amatoriali o professionali che siate.
Quest'anno, più delle scorse annate, è importante fare il punto della situazione dei prodotti acaricidi a nostra disposizione ed aggiornare le proprie conoscenze in fatto di potenzialità ed efficacia di ciascun principio attivo.
Vi aspetto.
Ulderica Grassone

(11 marzo 2006)
Corso sugli adempimenti normativi in apicoltura giovedì 23 marzo
Programma

(9 febbraio 2006)
Mortalità di api e limitato blocco della covata
A seguito dei periodici incontri con gli apicoltori della provincia di Asti non posso fare altro che riferire di una situazione allarmante di morie ingenti e diffuse di alveari. In realtà la lista dei morti abbiamo cominciato a compilarla già dalla fine di novembre, quando in occasione dei primi interventi con ac. ossalico alcuni apicoltori hanno constatato le prime perdite. Con gennaio l'elenco si è notevolmente allungato.
Ma al di là delle famiglie morte, cosa resta nelle altre arnie? Si tratta di colonie che restano in vita, ma oggettivamente lasciano poco sperare: sono piccole, con un pugno di api, magari anche diarroiche. Un vero disastro. Ci porteranno via tanto tempo e tanto materiale (favi di covata, pacchi d'api, regine che andremo ad aggiungere e sostituire) e la risposta, se ci sarà, si farà attendere.
La situazione che abbiamo riscontrato negli alveari in inverno è stata questa: a metà dicembre in molte arnie era ancora presente delle covata ed a metà gennaio ce ne era di nuova. Come si può pensare di pulire bene le colonie dalla varroa in inverno quando il blocco della covata, se si verifica, è limitato ad un periodo molto breve?
In queste condizioni è pura utopia pensare che sia sufficiente un solo intervento con acido ossalico e, data l'intolleranza delle api ad un secondo ac. ossalico gocciolato, pone l'obbligo, di fatto, per tutti di ricorrere all'uso dei nebulizzatori, tipo Varrox.
Se fino a dicembre pensavo che il vero punto critico dell'attuale piano di lotta alla varroa fosse unicamente il trattamento estivo, ora mi rendo conto del perché ad agosto ci si trova con 2.000 varroe negli alveari: basta partire da gennaio con 50-60 varroe, fatto non così difficile o improbabile!!
Approfittiamo di queste giornate miti che febbraio ci regala per dare un'occhiata veloce alle nostre casse:
- verifichiamo quanti favi coprono veramente le api;
- se la famiglia è larga, la possiamo restringere, senza pietà;
- verifichiamo l'eventuale presenza di covata
- se non lo abbiamo fatto prima, effettuiamo un secondo intervento con Varrox e controlliamo quante varroe scendono;
- se necessario, si nutre.
E nella prossima estate si cambierà strategia di lotta!

(31 gennaio 2006)
Contributi per l'apicoltura
In provincia di Asti sono aperti i bandi relativi ai finanziamenti ai sensi del Reg. CE 797/04 per la misura C,
azione 1 - acquisto arnie e azione (contributo è pari al 60% della spesa ammissibile)
azione 2 - acquisto macchine, attrezzature e materiali vari specifici per l'esercizio del nomadismo (contributo pari al 50% della spesa ammissibile).
Le domande di contributo dovranno essere presentate entro il 28 febbraio 2006.
Maggiori informazioni possono essere richieste al tecnico di zona Ulderica Grassone.

2005

 
(18 novembre 2005)
Corsi di aggiornamento
Sono inziati con novembre i corsi di aggiornamento per gli apicoltori con sedi a Castelnuovo Don Bosco, Nizza M.to e San Damiano d'Asti. Chi fosse ancora interessato a parteciparvi, è sufficiente che comunichi le proprie generalità al tecnico responsabile Ulderica Grassone (Cell. 335-7024802).
Si fa presente che nel corso del prossimo incontro di dicembre nelle sedi di Nizza e di San Damiano interverrà anche il veterinario dell'Asl a proposito di miele ed antibiotici.
Varroa
L'infestazione di varroa risulta nella generalità dei casi molto elevata su tutto il territorio astigiano. Molte sono state anche le segnalazioni di forti spopolamenti e/o perdite di famiglie registrati già dall'inizio del mese di novembre.
Come è emerso durante l'incontro sulla varroa tenutosi ad inizio ottobre ad Asti, si raccomanda di non tardare con il trattamento invernale a base di acido ossalico, considerando anche l'eventualità di una sua ripetizione dopo un mese circa. Fondamentale il conteggio delle varroe cadute a seguito del trattamento nel corso dei primi due - tre giorni successivi all'intervento.
Censimento apistico
Dal 1° novembre al 31 dicembre è obbligatorio per chiunque detenga alveari, a qualsiasi titolo, provvedere alla compilazione dei moduli di censimento apistico.
Detti moduli possono essere consegnati, unitamente alla fotocopia della carta di identità, al tecnico di Aspromiele entro e non oltre mercoledì 21 dicembre. Oltre tale data ci si può rivolgere direttamente agli uffici del settore agricoltura della Provincia di Asti.

(16 settembre 2005)
Trattamenti contro la varroa
I trattamenti per il contenimento della varroasi nelle colonie di api sono ormai conclusi. Qualunque sia stato il principio attivo o la tipologia di somministrazione utilizzati, si raccomanda un test di controllo da eseguirsi a campione su pochi alveari rappresentativi di ciascun apiario con una soluzione di ac. Ossalico (80:400:1000) nella consueta dose di 5 cc/favo di api. Si raccomanda altresì l'impiego di un foglio adesivo sul cassettino (con l'adesivo rivolto verso l'alto) per verificare le cadute. Ricordo infatti che è utile sapere quante varroe sono cadute durante il trattamento, tanto quanto conoscere il dato relativo alle varroe rimaste nel nido. Queste ultime, infatti, determinano la salute delle nostre api nella stagione futura.
Qualora le cadute di varroa a seguito del test eccedessero le 300 unità, risulta opportuno un trattamento d'urgenza esteso a tutti gli alveari, da effettuarsi sempre con la medesima soluzione gocciolata.
L'eventuale danno arrecato alle api da un ossalico è sicuramente inferiore rispetto a quello certamente arrecato da un quantitativo troppo elevato di varroe in un periodo delicato come quello tardo estivo-autunnale.
Finanziamento L.R. 20/98
Le domande possono essere presentate fino al 30 settembre presso l'ufficco dell'Assessorato Provinciale all'Agricoltura della Provincia di Asti, piazza San Martino, 4, Asti.
Flavescenza dorata
A seguito della recrudescenza della patologia viticola sul territorio della provincia di Asti, le strategie di lotta finora adottate saranno probabilmente oggetto di rimeditazione. Al fine di evitare che la salvaguardia degli alveari promossa dalla legge regionale venga meno di fronte a questa situazione di emergenza fitosanitaria, Aspromiele ha inviato una lettera alla Provincia di Asti per rivendicare una maggiore collaborazione tra settore viticolo e settore apistico.
Corsi di apicoltura
Sono in fase di organizzazione diversi corsi di apicoltura si anell'astigiano, sia nel casalese. Appena saranno maggiormente definiti, se ne darà divulgazione.

(6 settembre 2005)
Contributi per l'apicoltura
Con delibera n. 6794 del 4 agosto 2005 è stata confermata al 30 settembre 2005 la data ultima di presentazione delle domande di contributo ai sensi della Legge Regionale 20/98 sull'apicoltura. Gli estremi del bando sono consultabili nella notizia del 5 agosto.
Gli apicoltori interessati possono rivolgersi al tecnico Aspromiele.
Domanda di contributo
 

 
(5 agosto 2005)
75° edizione della Fiera Nazionale del Tartufo Bianco d'Alba
Sin dalla sua prima edizione, la rassegna agroalimentare della Fiera del Tartufo Bianco di Alba si è posta all'attenzione del pubblico quale vetrina dei prodotti enogastronomici d'èlite.
Obiettivi? L'obiettivo è di "far vivere" la città, valorizzandone maggiormente il centro storico, con un evento all'altezza delle sue bellezze (da preferire al decentramento degli anni passati) che coinvolga attivamente tutto il flusso turistico che gravita in autunno su Alba, e che neutralizzi gli elementi esterni di confusione che disorientano e distraggono il pubblico.
Dove? Il centro storico prenderà vita e colore in diversi punti di richiamo enogastronomico, uniti da un ideale percorso cromatico:
Cortile della Maddalena: bordeaux (tartufi e suoi prodotti derivati)
Palazzo Mostre e Congressi: rosso (vino e ristorazione)
Padiglione di Via Vittorio Emanuele-Cortile: arancione (formaggi e salumi)
Piazza Falcone: giallo (pane, pasta, riso, olio, specialità sottovetro)
Piazza San Domenico: marrone (dolci)
Piazza Rossetti: verde (mercato biologico delle erbe)
Piazza San Giovanni: blu (enogastronomia di nicchia della Provincia di CN - Associazioni - Consorzi)
Piazza Savona: bianco (cultura, libri, territorio)
Piazza del Duomo: marrone (cioccolato)
Come? Saranno allestite sul percorso delle Bancarelle in struttura lignea, che avranno tra di loro un coordinamento registico originale e d'effetto, atto a valorizzare il prodotto presentato ed il colore.
Il telo di copertura, coordinato con le "gonne" delle bancarelle è impermeabile ed a doppia falda.
Ogni postazione avrà la propria illuminazione (1 faro da 400 watt) ed una presa elettrica libera a disposizione.
La dimensione della postazione è di mt 2 di lunghezza, m 1 di profondità, m 1 di altezza.
Quando? Le date di apertura del percorso saranno : le domeniche 2-9-16-23 ottobre 2005.
L'orario: dalle 9,00 alle 20,00
Quanto costa? Il costo di partecipazione è di euro 750 + Iva.
Scadenza presentazione adesione 11 agosto, telefonando a Grassone Ulderica 335-7024802

(5 agosto 2005)
Contributi per l'apicoltura
Prossima apertura bando di presentazione delle domande di contributo per l'anno 2005 ai sensi della L.R. 20/98
Tempi: Apertura prevista entro il 15 agosto 2005 (in attesa di pubblicazione della delibera)
Termine ultimo 30 settembre 2005.
Interventi ammessi a contributo
Strutture (costruzione, ristrutturazione e ammodernamento delle strutture aziendali di lavorazione e conservazione della produzione degli alveari; adeguamento alle norme igienico-sanitarie dei locali della lavorazione dei prodotti dell'alveare)
Acquisto (macchine ed attrezzature per la lavorazione e commercializzazione dei prodotti dell'alveare, acquisto o ammodernamento degli apiari)
Allevamento e selezione (allevamento e selezione di api regine di razza ligustica finalizzati alla formazione di ceppi adatti alle condizioni climatiche e nettarifere del Piemonte e con ottimale resistenza alle patologie e parassitosi; sostituzione delle regine presenti negli alveari all'interno delle zone di rispetto, di cui all'art. 27, con api regine di razza ligustica)
Importi
Strutture: spesa max 25.000 euro contributo 40% collina (50% montagna)
Acquisto: spesa max 10.000 euro contributo 35% collina (40% montagna)
Api regine: spesa max 1.000 euro contributo 30% collina (40% montagna)
Beneficiari:
- Apicoltori produttori apistici che hanno presentato denuncia annuale degli alveari e residenti in Provincia di Asti
- Apicoltori amatoriali che hanno presentato denuncia annuale degli alveari e residenti in Provincia di Asti con impegno a diventare produttori apistici entro un anno.
Priorità:
- apicoltori produttori apistici professionali 5 punti
- adeguamento norme igienico sanitarie dei locali per la lavorazione del miele 2 punti
- interventi da realizzarsi in zone di montagna 3 punti, collina 2 punti, pianura 1 punto (localizzazione centro aziendale)
- numero alveari posseduti e denunciati (oltre 52 alveari 3 punti, meno di 52 alveari 1 punto)
- apicoltore biologico 5 punti
- ordine cronologico a parità di punteggio
Per informazioni telefonare al Tecnico Ulderica Grassone 335-7024802 oppure a Franco Luigi 0141-380400

(29 luglio 2005)
La marcia delle cavallette.
Calliptamus italicus, così si chiamano le cavallette che continuano a divorare gli orti, i prati e le coltivazioni di barbabietola, lasciando terra bruciata dietro di sè.
La zona maggiormente interessata dal problema è quella compresa tra Robella, Cocconato e Montiglio m.to.
I danni alle colture sono stati rilevati dai tecnici e giudicati ingenti. Per tale motivo la Provincia, con l'Istituto per le malattie delle piante, ha divulgato una scheda per la segnalazione dei focolai e, sulla basi dei dati che emergeranno dalla lettura di tali schede, verrà elaborata una strategia di lotta da adottare il prossimo anno.
Al momento attuale, l'unico prodotto insetticida autorizzato per i trattamenti è un piretroide, il Decis, efficace unicamente sulle forme giovanili della cavalletta. Contro la cavalletta allo stadio di adulto non vi sono prodotti veramente risolutivi, né tra gli autorizzati né tra gli illegali.
Da parte di Aspromiele è stata fatta pressione sui tecnici preposti alle riunioni con gli agricoltori per affrontare tale problema, affinchè venisse data la giusta importanza al ruolo delle api in ambiente agricolo e per tale motivo fossero tutelati e salvaguardati i pronubi nonostante i trattamenti insetticidi, così come previsto dalla L.R. 20/98.
Nonostante tutto, si sono già verificati e si verificheranno ancora sicuramente casi di trattamenti non autorizzati su cavallette adulte, con distribuzione illegale, inutile e dannosa di prodotti chimici nell'ambiente.
Esorto pertanto chiunque ravveda casi di avvelenamento di api a procedere nel più breve tempo possibile al prelievo di un campione di api morte (due manciate) ed al suo congelamento in freezer in contenitore chiuso, in attesa dell'analisi di laboratorio.
Trattamenti su mais. A partire dalla metà di luglio sono stati autorizzati i trattamenti contro piralide e diabrotica su mais. Mentre un tempo i trattamenti erano limitati alle aree perimetrali degli appezzamenti, attualmente sono disponibili trattatori su trampoli in grado di entrare in campo anche quando la coltura è già in pieno sviluppo, superando quindi l'antico ostacolo operativo.
Su tutti i bollettini diramati dal Servizio fitosanitario si richiama l'attenzione sulla tutela delle api da sostanze tossiche, come previsto dall'art. 17 della L.R. 20/98.
Consiglio tuttavia di prestare la massima attenzione qualora si abbiano apiari in prossimità di campi di mais.
Ulderica Grassone

(14 luglio 2005)
Corso di aggiornamento e formazione su "tecniche di allevamento delle api regine"
Si terrà venerdì 22 luglio ore 8.30/18.00 presso un agriturismo di San Paolo Solbrito (AT). La prenotazione è obbligatoria (Tel. 335-7024802)
Sospensione estiva dei recapiti settimanali
Castelnuovo don Bosco: ultimo recapito martedì 19 luglio, ripresa martedì 20 settembre.
Asti: ultimo recapito mercoledì 3 agosto, ripresa mercoledì 14 settembre.
Casale M.to: ultimo recapito martedì 26 luglio, ripresa martedì 13 settembre
Andamenti produttivi:
Andamento poco omogeneo della produzione di miele di acacia sul territorio della provincia di Asti: medie produttive che sono andate dai 15 kg ai 25-30 kg ad alveare a seconda della distribuzione delle piogge nel periodo immediatamente precedente all'arrivo del grande caldo. Nelle zone piùsiccitose, come ad esempio quelle di confine con il chivassese, si sono raggiunti i livelli piùbassi di produzione degli ultimi anni (10-15 kg). Il raccolto della melata di metcalfa, in discreto ritardo rispetto alle annate precedenti, sta appena cominciando, anche se rallentato dalle temperature fresche di questi giorni.
Ulderica Grassone

  
 
 
 

Zona di Asti Recapiti - Tecnici

Presso Coldiretti 
di Asti
 
 
C.so F. Cavallotti 35
Mercoledì
h. 10:00 - 12:00
(Tecnico U. Grassone)
 
 
 
 
Tel. 0141 380400
Fax 0141 355138

Presso Coldiretti
di Castelnuovo
Don Bosco (AT)

Via Aldo Viglione 18

 
 
1° e 3°
Martedì del mese
h. 10:00 - 12:00
previa prenotazione al
Cell. 335-7024802
(Tecnico U. Grassone)