Aspromiele

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
HOME ARCHIVIO PRIMA PAGINA Varie Altra zona, stessa solfa... atto II

Altra zona, stessa solfa... atto II

Stampa PDF

(11 agosto 2016)

AVVAT10-08-2016 1Con sconforto, delusione e rabbia, soprattutto dell’apicoltore che ha subito il gravissimo danno, siamo di nuovo, a distanza di un solo giorno, a ripeterci nel medesimo modo rispetto ai giorni scorsi.
Siamo nella stessa zona, periferia della città di Asti, lungo le rive del fiume Tanaro, sponda opposta ma esattamente di fronte al luogo in cui si è verificato il precedente apicidio. Medesimi i sintomi: elevatissima mortalità di api in tutti i 150 alveari costituenti l’apiario. Insomma, un altro massacro, in un momento critico della stagione, che mette a rischio

la sopravvivenza degli alveari. Quale la causa? Difficile da individuare. Ci auguriamo che le analisi  sui campioni di api raccolte consentiranno l’individuazione del principio attivo e da questo risalire, se non all’utilizzatore, almeno al comparto agricolo coinvolto.

AVVAT10-08-2016 4  AVVAT10-08-2016 2
AVVAT10-08-2016 5  AVVAT10-08-2016 3